Assegno Sociale da 485 euro al mese: come richiederlo

(Roma)ore 22:29:00 del 24/07/2019 - Categoria: , Economia, Lavoro

Assegno Sociale da 485 euro al mese: come richiederlo

COME RICHIEDERE ASSEGNO SOCIALE 485 EURO AL MESE - L’assegno sociale è un è una prestazione assistenziale che non è influenzata dal versamento dei contributi ed è erogata in favore di soggetti in condizione economiche disagiate al raggiungimento di una de

COME RICHIEDERE ASSEGNO SOCIALE 485 EURO AL MESE - L’assegno sociale è un è una prestazione assistenziale che non è influenzata dal versamento dei contributi ed è erogata in favore di soggetti in condizione economiche disagiate al raggiungimento di una determinata età anagrafica e dal 1996 ha sostituito la pensione sociale.

COME RICHIEDERE ASSEGNO SOCIALE 485 EURO AL MESE - Per richiedere l’assegno sociale sono necessari i seguenti requisiti:

  • 65 anni e 7 mesi di età (La Legge Fornero del 2011 ha previsto che a decorrere dal 1° gennaio 2018, il requisito anagrafico per il conseguimento dell’assegno sociale sarà incrementato di un anno);

  • stato di bisogno economico;

  • cittadinanza italiana;

  • per i cittadini stranieri comunitari: iscrizione all’anagrafe del comune di residenza;

  • per i cittadini extracomunitari: titolarità del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno);

  • residenza effettiva, stabile e continuativa per almeno 10 anni nel territorio nazionale:

  • reddito non superiore a 5.824,91 Euro annui, se il richiedente non è coniugato;

  • reddito non superiore a 11.649,82 Euro annui, se il richiedente è coniugato.

COME RICHIEDERE ASSEGNO SOCIALE 485 EURO AL MESE - Tutte le persone interessate all’Assegno Sociale devono soddisfare i seguenti requisiti obbligatori:

  • possesso della cittadinanza italiana o di uno Stato membro dell’Unione Europea, oppure di un qualsiasi Stato estero, purchè la persona sia in possesso di un permesso di soggiorno valido

  • possesso della residenza in una qualsiasi città italiana

  • essere stabili in Italia da almeno 10 anni

  • non avere alcun reddito o possesso di un reddito inferiore al limite che sarà descritto di seguito

  • età superiore a 67 anni e 7 mesi

Il limite di reddito varia se la persona è coniugata o meno. Se la persona è sola, il reddito massimo per essere nei requisiti per l’Assegno Sociale è stato stimato a 5824,91 euro per l’anno in corso, mentre se la persona è coniugata andrà conteggiato il reddito familiare, che non dovrà superare la cifra di 11649,82 euro (il doppio del limite della persona singola).

La cifra erogata per l’Assegno Sociale potrà variare a seconda del proprio reddito, e sarà totale solo ed esclusivamente se il beneficiario sarà totalmente privo di reddito. E’ possibile calcolare l’importo dell’Assegno Sociale  mediante un semplice calcolo: se il reddito della persona è di 3000 euro, basterà sottrarre tale cifra al limite di 5824,91 euro, per cui la persona anziana avrà diritto a 2824,91 euro, che saranno erogati su tredici mensilità.

Esistono diversi casi specifici per cui la cifra dell’Assegno Sociale potrà essere soggetta ad aumenti o riduzioni. Se la persona è ricoverata presso una struttura pubblica a carico dell’Assistenza Sanitaria Nazionale, la cifra sarà automaticamente dimezzata, mentre sarà ridotta del 25% se la persona sarà ricoverata presso una struttura privata la cui retta sarà inferiore all’Assegno Sociale.
Per calcolare il reddito annuo percepito dal beneficiario non bisogna calcolare alcune cose:

  • TFR o anticipo

  • assegni dell’assistenza già erogati da INAIL e INPS

  • indennità di accompagnamento

  • eventuali case di proprietà

  • la pensione maturata tramite contributi

  • trattamenti familiari

  • assegni sociali precedenti

  • indennità di comunicazione per le persone sordomute

L’Assegno Sociale sarà immediatamente interrotto in caso di decesso, per cui gli eventuali eredi non avranno diritto ad alcuna cifra.

Domanda

E’ possibile inoltrare la domanda per l’Assegno Sociale in diversi modi tra cui:

  • INPS, direttamente in un ufficio  oppure visitando il sito ufficiale, nel proprio account, seguendo le varie istruzioni pubblicate nella guida

  • PATRONATI e CAF, recandosi direttamente in uno dei tanti uffici pubblici dove personale esperto potrà aiutarvi nella compilazione e spedizione della domanda

Alla domanda bisognerà allegare una serie di documenti: un’autocertificazione dei propri dati personali, una dichiarazione precisa dei propri redditi, ed una dichiarazione di responsabilità in caso di un ricovero presso una struttura accreditata presso l’Assistenza Sanitaria Nazionale.

Autore: Carmine

Notizie di oggi
Deficit e Debito Pubblico sempre piu' critici, crescita ZERO. Promesse NON MANTENUTE
Deficit e Debito Pubblico sempre piu' critici, crescita ZERO. Promesse NON MANTENUTE
(Roma)
-

Stime macroeconomiche della Commissione europea negative per l'Italia su pil, deficit e debito pubblico. La nostra economia non cresce e non riusciamo a risanare i conti pubblici, che peggiorano in maniera allarmante.
CRESCITA ZERO, ITALIA ULTIMA NELLA UE - Siamo quasi alla fine dell’anno ed è...

Tassa sulla plastica: regioni e prodotti piu' colpiti
Tassa sulla plastica: regioni e prodotti piu' colpiti
(Roma)
-

La plastic tax sarà un vero e e proprio colpo per molte industrie del settore e a rimetterci saranno in particolare alcune regioni italiane.
TASSA SULLA PLASTICA, REGIONI E PRODOTTI PIU' COLPITI - Quali sono i prodotti...

Costi Pos: quanto ci costano i pagamenti per bancomat obbligatori
Costi Pos: quanto ci costano i pagamenti per bancomat obbligatori
(Roma)
-

Secondo un'indagine di Altroconsumo gli esercenti arriverebbero a pagare delle commissioni abbastanza importanti.
QUANTO CI COSTA IL POS - Ridurre l’uso del contante per contrastare evasione e...

Stop alle aperture domenicali: e' giusto per tutelare i piccoli esercizi?
Stop alle aperture domenicali: e' giusto per tutelare i piccoli esercizi?
(Roma)
-

STOP ALLE APERTURE DOMENICALI, A CHE PUNTO SIAMO - Dopo un anno, Luigi Di Maio rilancia la vecchia battaglia pentastellata contro l'apertura domenicale degli esercizi commerciali, consentita dalle liberalizzazioni del governo Monti.
STOP ALLE APERTURE DOMENICALI, A CHE PUNTO SIAMO - Dopo un anno, Luigi Di Maio...

La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio...MA DOVE????
La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio...MA DOVE????
(Roma)
-

LA REPUBBLICA INCORAGGIA E TUTELA IL RISPARMIO ? - Qualcuno saprebbe dirci se sia ancora in vigore quell’articolo 47 della Costituzione italiana, che recita più o meno
LA REPUBBLICA INCORAGGIA E TUTELA IL RISPARMIO ? - Qualcuno saprebbe dirci se...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati