Arrestato il re dell'accoglienza dei migranti che viaggiava in Ferrari

(Benevento)ore 21:32:00 del 25/06/2018 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Sociale

Arrestato il re dell'accoglienza dei migranti che viaggiava in Ferrari

Arrestato il re dell’accoglienza dei migranti. Paolo Di Donato è finito agli arresti domiciliari per truffa ai danni dello Stato.

Arrestato il re dell’accoglienza dei migranti.

Paolo Di Donato è finito agli arresti domiciliari per truffa ai danni dello Stato.

Con lui, leggiamo su TgCom, “altre quattro persone tra cui un funzionario pubblico, un agente delle forze dell’ordine e un impiegato del ministero di Giustizia”. E altre 36 persone risultano indagate.

L’accusa sostiene che queste persone “facevano affari sulle assegnazioni pilotate dei migranti, sul sovraffollamento dei centri e riscuotevano soldi per ospiti che da tempo avevano lasciato i centri d’accoglienza”.

Sui migranti, il cosiddetto re dell’accoglienza o “dei rifugiati”, è riuscito a guadagnare un milione di euro in pochissimi anni.

Nello Trocchia, giornalista d’inchiesta ed ex inviato per la trasmissione La Gabbia condotta da Gianluigi Paragone, ha raccontato che da cronista ha “avuto modo di conoscere Di Donato:

“A Benevento i suoi centri Damasco, approdo di migranti e richiedenti asilo, ora sono travolti dall’inchiesta della magistratura. Oltre due anni fa (per La7, la Gabbia) visitai quei centri raccontando lo stato di degrado e scarse condizioni igieniche nei quali versavano e incontrai lui, il dominus del sistema accoglienza e appassionato di politica e auto di lusso,” ha scritto Trocchia in un articolo per Tiscali Notizie.

E ha riportato quanto detto da Di Donato in quell’occasione: “Io non ho la Ferrari, non ho la Porche, non ci sta niente, con lei non voglio parlare”. E ancora: “Il mio consorzio Malaventum non è la Caritas, non è un’associazione di volontariato. Il mio margine di utile è il 10% ogni anno”.

“Tredici i centri gestiti dal consorzio di Di Donato e 740 i richiedenti asilo presenti nelle strutture con un incasso di 8 milioni di euro all’anno. Su Facebook si era fatto immortalare alla guida di un motoscafo e vicino ad una Ferrari. ‘Sette anni fa ho avuto la Ferrari, poi l’ho ceduta e allora?’ alzando la voce e perdendo la calma prima di recuperarla per ergersi a salvatore della patria. ‘La Prefettura? Ho dato una grande mano’,” ha raccontato Trocchia.

Da: QUI

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Come la NATO uccise GHEDDAFI per fermare la creazione della VALUTA africana con riserva AURIFERA
Come la NATO uccise GHEDDAFI per fermare la creazione della VALUTA africana con riserva AURIFERA
(Benevento)
-

Le e-mail scoperte di Hillary Clinton continuano a regalarci le prove dei crimini compiuti dell’Occidente. 
Le e-mail scoperte di Hillary Clinton continuano a regalarci le prove dei...

Italia a PEZZI come se avesse perso una GUERRA: cosa e' successo VERAMENTE?
Italia a PEZZI come se avesse perso una GUERRA: cosa e' successo VERAMENTE?
(Benevento)
-

Ci prospettarono un gioioso approdo ai lidi dell’Europa unita: nuova terra promessa dove scorre latte e miele.
Ci prospettarono un gioioso approdo ai lidi dell’Europa unita: nuova terra...

Migranti: con il taglio dei 35 euro ADDIO ACCOGLIENZA!
Migranti: con il taglio dei 35 euro ADDIO ACCOGLIENZA!
(Benevento)
-

Stop ai corsi di italiano e alla formazione professionale. Non solo: via gli psicologi, ridotta al minimo la presenza di assistenti sociali, operatori culturali, medici e infermieri
Ogni ospite vedrà il medico per massimo 4 ore l’anno. L’infermiere, invece, non...

15 anni dall'attentato Nassiriya: la strage che si DOVEVA evitare
15 anni dall'attentato Nassiriya: la strage che si DOVEVA evitare
(Benevento)
-

Sono passati 15 anni da quella tragica mattina del 12 novembre: alle 10:40, le 08:40 in Italia, due terroristi a bordo di un’autocisterna carica di esplosivo attaccarono la base Maestrale a Nassiriya, in Iraq.
Sono passati 15 anni da quella tragica mattina del 12 novembre: alle 10:40, le...

Gli effetti della CRISI GRECA? HIV, DISTURBI MENTALI E SUICIDI
Gli effetti della CRISI GRECA? HIV, DISTURBI MENTALI E SUICIDI
(Benevento)
-

La crisi greca esplode nel 2009: all’epoca come primo ministro si è appena insediato George Papandreou del Pasok, figlio di Andreas che risulta capo dell’esecutivo tra gli anni  Ottanta e Novanta e protagonista della vita politica successiva alla caduta d
La crisi greca esplode nel 2009: all’epoca come primo ministro si è appena...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati