Arezzo: disarma saccheggiatore col fucile

AREZZO ore 09:47:00 del 10/11/2014 - Categoria: Cronaca

Arezzo: disarma saccheggiatore col fucile

Arezzo | Disarma saccheggiatore dotato di un pericolosissimo fucile

Quando si ha coraggio nella vita possiamo dire che abbiamo avuto tutto. Raffaele Zelli ha subito avvertito i carabinieri di Pergine ai quali ha consegnato l’arma nel corso della stessa serata. Possiamo ipotizzare che da parte delle forze dell’ordine il controllo delle impronte digitali, escludendo ovviamente quelle di Raffaele e dell’amico che ha scaricato il fucile. A quanto pare i carabinieri potrebbero aver individuato una cerchia ristretta di personaggi sospetti tra i quali, forse, si annida l’autore dell’irresponsabile gesto. Insomma, il caso dell’assalto al bar potrebbe trovare una soluzione nel giro di pochi giorni.

Ha disarmato il suo rapinatore che aveva con sè un fucile e poi, insieme ai clienti del suo locale, lo ha inseguito fino a perdere le sue tracce. L'eroe per caso è Raffaele Zelli, 43 anni, titolare del bar al centro di Pergine Valdarno. Sono le 23 di sera, giovedì. Il locale è aperto, insieme al titolare, ci sono tre persone, tra cui un bambino. Nella sala accanto, sei astanti sono intenti a giocare accanitamente a carte. «Ho visto quest’uomo entrare nel bar con una doppietta in braccio - racconta Raffaele - aveva il volto coperto da un passamontagna, si è avvicnato a me con fare minaccioso e mi ha puntato il fucile al petto, a un ventina di centimetri di distanza. Gli ho detto, ma che sei scemo, cosa vuoi fare? E forse la mia aggressività lo ha sconcertato... Lui con il fucile ha indicato la cassa, ci saranno stati 150 euro sì e no, io la sera non ci tengo tanto denaro. Quando però ha spostato la canna, d’istinto gli ho afferrato il fucile strappandoglielo dalle Mani. Lui a quel punto è scappato. Ho gridato e insieme agli altri che in quel momento erano nel bar l’abbiamo inseguito. Niente da fare, è fuggito nei campi e ha fatto perdere le tracce. Il fucile è rimasto a me, era la prima volta che avevo un’arma in mano, l’ha aperto un amico e abbiamo visto che c’erano due proiettili in canna». 

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
MAZZETTE AI POLITICI mafiosi e LADRI negli appalti per i rifiuti
MAZZETTE AI POLITICI mafiosi e LADRI negli appalti per i rifiuti

-

Sono fradici e vengono in tv a dirci cosa farebero sicuramente chi non è ricattabile corrotto evasore gli fanno la guerra basta vedere a chi paga le tasse gli vengono aumentate chi non le paga lo fa perché sono troppe.
Sono fradici e vengono in tv a dirci cosa farebero sicuramente chi non è...

La Merkel ZITTITA al Parlamento Europeo: VIDEO SENZA PELI SULLA LINGUA!
La Merkel ZITTITA al Parlamento Europeo: VIDEO SENZA PELI SULLA LINGUA!

-

Per Sahra Wagenknecht, Vicepresidente della Sinistra Tedesca (Die Linke), le cose non vanno bene nell’ E uropa… E con convinzione profonda afferma: l’euro divide l’Europa e non porta nessun beneficio all’UE!
SAHRA WAGENKNECHT NON LE MANDA A DIRE, E CON UN DISCORSO MEMORABILE AL...

9 citta' italiane tenute in ostaggio dai nigeriani: ECCO QUALI
9 citta' italiane tenute in ostaggio dai nigeriani: ECCO QUALI

-

La precisazione, tra persone intelligenti, sarebbe inutile; ma, a scanso di equivoci, la facciamo comunque: quando parliamo di «mafia nigeriana» in Italia, ci riferiamo ai nigeriani dediti al crimine, non certo ai loro connazionali estranei alla delinquen
La precisazione, tra persone intelligenti, sarebbe inutile; ma, a scanso di...

Torna la massoneria in Italia: 3000 affiliati NON IDENTIFICABILI
Torna la massoneria in Italia: 3000 affiliati NON IDENTIFICABILI

-

Secondo Agatha Christie, un indizio è un indizio. Due indizi sono una coincidenza. Tre indizi sono una prova. Nell’inchiesta della Commissione parlamentare antimafia sui rapporti fra massoneria e crimine organizzato gli indizi sono 2.993.
Secondo Agatha Christie, un indizio è un indizio. Due indizi sono una...

Silenzio dei media sui vaccini killer: STRAGE DI MILITARI MALATI
Silenzio dei media sui vaccini killer: STRAGE DI MILITARI MALATI

-

Mercurio e metalli pesanti nei vaccini somministrati ai militari: non sono un migliaio, ma ben 4.000, i soldati italiani colpiti da gravissimi problemi di salute per motivi di servizio.
Mercurio e metalli pesanti nei vaccini somministrati ai militari: non sono un...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati