Appendino libera Torino!

(Torino)ore 09:42:00 del 27/07/2016 - Categoria: Cronaca, Politica

Appendino libera Torino!

Se le promesse verranno rispettate, tra cinque anni il volto della città di Torino si presenterà totalmente cambiato, rivoluzionato

Campi rom, sgomberarli a determinate condizioni Se per le prime due questioni, il programma prevede una soluzione in tempi brevi (entro i due anni), diversa è la situazione relativa ai campi rom torinesi. In questo caso, visto che il fenomeno è estremamente radicato e il numero di persone coinvolte è maggiore, i tempi sono più lunghi: si parla di un periodo compreso tra i 2 e i 5 anni per risolvere quello che per molti cittadini è diventato un «problema». Cosa propone a riguardo il programma di Chiara Appendino? La neo sindaca chiede«il progressivo smantellamento dei campi nomadi», a patto che tale azione sia «affiancata da un inclusione socio economica delle popolazioni rom, sinti. La sindaca auspica impegno a favore dell’integrazione scolastica, sociale, lavorativa e abitativa». Per farlo, ma questo vale anche per i punti sopra elencati, il Comune svolgerà un ruolo di regia per favorire una maggiore sinergia con la Prefettura e con il Terzo settore che realizza progetti per le persone migranti e i cittadini stranieri.

Ex Moi: «Istituzioni riprendano il controllo» Indubbiamente la cattiva gestione dell’ex palazzine olimpiche, oggi casa improvvisata per un numero indefinito di cittadini stranieri, è una questione da risolvere al più presto. Quante persone ci vivono? Nessuno lo sa. In che condizioni di sicurezza? Nessuno lo sa. La scorsa amministrazione, di fatto, si è lavata le mani più volte, forte anche delle parole di Angelino Alfano che giusto qualche mese fa aveva ammesso:«Non esistono le condizioni per uno sgombero in sicurezza».

Campi rom smantellati, palazzine Ex Moi liberate e chiusura per il CIE di corso Brunelleschi. E’ questo quello che traspare dal programma di Chiara Appendino che verrà ufficialmente discusso in Sala Rossa il 29 luglio. Se le promesse verranno rispettate, tra cinque anni il volto della città di Torino si presenterà totalmente cambiato, rivoluzionato.CLICCA MI PIACE PER SEGUIRCI SU FACEBOOK!

Chiara Appendino non ci sta e nel suo programma rilancia: «Dovrà essere elaborato un piano, di concerto con la Questura e con le altre realtà del territorio attive su questo tema, per organizzare il trasferimento degli occupanti aventi diritto a richiedere lo status di protezione internazionale dalle palazzine EX MOI a strutture idonee. Sarà pertanto necessario avviare in collaborazione con le altre forze dell’ordine e le associazioni un censimento per permettere alle istituzioni di tornare ad avere il controllo delle palazzine, le quali saranno successivamente liberate e ristrutturate». Censimento, sgombero, ricollocazione dei rifugiati politici in strutture idonee e ristrutturazione delle palazzine: il piano è ambizioso e destinato a far discutere.

CIE, la soluzione proposta da Appendino Per quanto riguarda il CIE di corso Brunelleschi, alla luce degli innumerevoli problemi verificatisi in questi anni, la posizione dei consiglieri del Movimento 5 Stelle è chiara: «Il Comune dovrà inoltre portare a livello di Governo centrale l’istanza per la chiusura del CIE di Corso Brunelleschi e la corretta applicazione della «direttiva rimpatri» 2008/115/CE». D’altra parte, come vi avevamo raccontato qualche settimana fa, i sabotaggi sono continui, le strutture cadono a pezzi e la tensione tra detenuti e guardie è continua. A rimetterci sono tutti, soprattutto i residenti che tra sommosse e proteste vivono in un clima ormai esasperato. Che il Centro di Identificazione e Espulsione, costruito nel 1999, sia giunto al capolinea?

Autore: Sasha

Notizie di oggi
Insulti alla Boldrini? E chi tutela gli italiani dalla MALAPOLITICA?
Insulti alla Boldrini? E chi tutela gli italiani dalla MALAPOLITICA?
(Torino)
-

Ci si dovrebbe anche domandare del perchè i politici siano odiati al punto di dover girare con una scorta armata per non farsi linciare dalla gente comune. Pertini girava per strada da solo, lui e la sua pipa, senza temere niente e nessuno. Anche questo d
Certo l'offesa non è bella ne da ricevere ne tantomeno da scrivere ma è...

Pignorata la Santanche'! La donna del...FARE!
Pignorata la Santanche'! La donna del...FARE!
(Torino)
-

La pitonessa ha imparato bene come fare affari, sin dalle lontane sue origini: purtroppo questi personaggi , sempre osannati nelle TV pubbliche e private, andrebbero collocati nei loro ambiti ideali( lobbies e salotti bene) e andrebbero favoriti quei giov
La pitonessa ha imparato bene come fare affari, sin dalle lontane sue origini:...

Chi finanzia il M5S?
Chi finanzia il M5S?
(Torino)
-

Trasparenza, questa sconosciuta. Il MoVimento 5 Stelle, la forza politica che ha conquistato il consenso di più di un quarto dell’elettorato italiano promettendo di trasformare le istituzioni in una casa di vetro, predica bene e razzola male
TRASPARENZA, QUESTA SCONOSCIUTA. IL MOVIMENTO 5 STELLE, LA FORZA POLITICA CHE HA...

Lotta alle fake news? Il Bavaglio al web una cosa ILLEGALE! Ma non ve lo diranno mai
Lotta alle fake news? Il Bavaglio al web una cosa ILLEGALE! Ma non ve lo diranno mai
(Torino)
-

Lotta alle fake news, o meglio alla libertà d’opinione: il decreto legge firmato da Adele Gambaro arriva in Senato (commissioni giustizia e affari costituzionali) e riapre la polemica sulla legge-bavaglio, tra profili di incostituzionalità, correttivi leg
Lotta alle fake news, o meglio alla libertà d’opinione: il decreto legge firmato...

Le ragioni per cui NON VOTARE e' una scelta sacrosanta, OGGI COME OGGI
Le ragioni per cui NON VOTARE e' una scelta sacrosanta, OGGI COME OGGI
(Torino)
-

Il voto, come non il voto, sono sempre significativi. In astratto vale l'argomento che chi non vota lascia decidere agli altri, ma non vuol dire che il suo non-voto non abbia significato, perché ogni presa di posizione è significativa per il politico
Il voto, come non il voto, sono sempre significativi. In astratto vale...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati