Apocalisse Nucleare? Sopravvivono solo i RICCHI! Boom di vendite per alloggi anti Atomici

(Cagliari)ore 16:32:00 del 04/09/2017 - Categoria: , Ambiente, Denunce, Editoria

Apocalisse Nucleare? Sopravvivono solo i RICCHI! Boom di vendite per alloggi anti Atomici

Tredicimila metri quadrati, due piani, 110 stanze, tre ingressi e una cucina in grado di ospitare fino a 500 persone. Non si tratta di un hotel a cinque stelle, ma del più grande bunker anti atomico d' Europa

IN CASO DI APOCALISSE NUCLEARE SOPRAVVIVERANNO SOLO I RICCHI (O CHI TRASLOCA IN NUOVA ZELANDA) - BOOM DI VENDITE PER GLI ALLOGGI ANTI ATOMICI DOPO LE SMANIE DI CICCIO KIM:700%  - LI HANNO UN PO’ TUTTI: DA JACK MA A BILL GATE AI FIGLI DI MURDOCH - UN CONTINER A PROVA DI BOMBA COSTA DAI 40 MILA DOLLARI A 20 MILIONI - IL RIFUGIO DI AFFI, VICINO VERONA

Tredicimila metri quadrati, due piani, 110 stanze, tre ingressi e una cucina in grado di ospitare fino a 500 persone. Non si tratta di un hotel a cinque stelle, ma del più grande bunker anti atomico d' Europa. Si trova ad Affi, poco più di tremila anime in provincia di Verona, ed è stato battezzato West Star. Costruito negli anni della guerra fredda dalla Nato, è rimasto attivo per uso militare fino al 2010. E ora, dopo aver subito ripetuti atti di vandalismo, lo Stato lo ha inserito nella lista dei beni da alienare. Insomma, da vendere o regalare a chiunque sia in grado di valorizzarl 

Un' opportunità più che mai attuale in un momento storico nel quale minacce terroristiche e crisi internazionali stanno letteralmente facendo schizzare il mercato immobiliare legato a questi rifugi inespugnabili. Negli Stati Uniti vip e persone facoltose hanno da tempo puntato sulla loro sicurezza. Facendosi costruire bunker personali sotto casa o nascosti fra deserti e montagne. Proprio come quello di Affi, mimetizzato nelle viscere del monte Moscal e progettato per essere completamente autonomo in caso di attacco nucleare, con tanto di aria interna filtrata senza contatti con quella esterna, vasche per l' acqua potabile, filtri, docce antiradiazioni e sistema antisismico.

A investire di più in questo settore sono i guru della Silicon Valley. Dal fondatore di Alibaba, Jack Ma, all' imprenditore Kim Dotcom Schmitz. Ma nella lista dei clienti ci sono anche il miliardario azionista di Facebook Peter Thiel, il regista di Hollywood James Cameron, il tycoon dell' acciaio Alexander Abramov e il magnate della finanza William Foley. Tutti hanno scelto luoghi più o meno sperduti per creare le loro case sotterranee a prova di bomba nucleare.

Una delle mete più ambite sembra essere la Nuova Zelanda, con i suoi spazi remoti e incontaminati, che la rendono il luogo ideale per sopravvivere all' Apocalisse. Secondo gli ultimi dati, tutto il settore negli Stati Uniti sta crescendo in modo esponenziale: solo nel 2016 le vendite di bunker sono aumentate del 700 per cento rispetto all' anno prima.

Emblematico è il caso della Undergroud Bomb Shelter, azienda Usa specalizzata nella vendita di rifugi anti aereo e bunker, che ha visto schizzare i propri affari del 400 per cento. E questo nonostante si parli di beni non proprio alla portata di tutti. Un rifugio può costare da un minimo di 39mila a un massimo di 20 milioni di dollari, in base a grandezza, dotazioni e sistemi di sicurezza. Eppure c' è chi è disposto a spendere queste cifre da capogiro.

«Bill Gates ha enormi rifugi sotto ognuna delle sue case, a Rancho Santa Fe e Washington. Per questi ricchi, qualche milione non è nulla, è solo una nuova forma di assicurazione", ha rivelato di recente Robert Vicino, fondatore di una società che costruisce bunker nell' Indiana. Spiegando che questi rifugi sono percepiti come nuove forme di assicurazione, a moltissimi zeri.

La pensano così anche James e Lachlan Murdoch, i figli del magnate delle telecomunicazioni Rupert. I due rampolli si stanno facendo costruire una super villa nei boschi del Canada. Nel progetto nulla è stato lasciato al caso. Chi lo ha visto ha raccontato che la residenza sarà completamente autonoma, con generatori e pannelli solari, una propria sorgente d' acqua, una riserva di caccia e una serra per coltivare l' orto. Tutto l' occorrente per guardare con un po' più di ottimismo a un futuro che per i «comuni mortali» sembra sempre più incerto.

Dago

Autore: Samuele

Notizie di oggi
Propagare virus per alimentare il business dei vaccini: L'INCHIESTA SHOCK
Propagare virus per alimentare il business dei vaccini: L'INCHIESTA SHOCK
(Cagliari)
-

L’Italia sembra uno snodo fondamentale del traffico di virus. L’indagine è stata aperta dalle autorità americane e portata avanti dai carabinieri del Nas.
L’Italia sembra uno snodo fondamentale del traffico di virus. L’indagine è stata...

Euro? UNA fake news monetaria, un ESPERIMENTO FALLITO sulla NOSTRA PELLE. SALVIAMOCI
Euro? UNA fake news monetaria, un ESPERIMENTO FALLITO sulla NOSTRA PELLE. SALVIAMOCI
(Cagliari)
-

Settimanali e quotidiani hanno iniziato una campagna terroristica per descrivere come e qualmente questo paese sprofonderebbe nel più nero degli abissi se dovesse uscire dall’euro, unico scudo della nostra malandata economia.
Settimanali e quotidiani hanno iniziato una campagna terroristica per descrivere...

Deforestazione? CARTA DI CANAPA miglior alternativa per combatterla
Deforestazione? CARTA DI CANAPA miglior alternativa per combatterla
(Cagliari)
-

L’uso della fibra di canapa per produrre carta risale a più di 2mila anni fa, eppure l’umanità continua ad abbattere alberi e ad inquinare l’ambiente.
L’uso della fibra di canapa per produrre carta risale a più di 2mila anni fa,...

La faccia TOSTA di PRODI, artista della SVENDITA ITALIANA
La faccia TOSTA di PRODI, artista della SVENDITA ITALIANA
(Cagliari)
-

Questo è l’uomo che ha oggi la faccia tosta di lanciare un appello (sulle pagine del “Corriere della Sera” di venerdì 5 ottobre) per salvare l’Italia che, parole sue, «rischia di diventare una democrazia illiberale».
Romano Prodi è uno dei massimi artefici della mutazione genetica della sinistra...

Guerra al vino italiano: ok ai falsi made in Italy
Guerra al vino italiano: ok ai falsi made in Italy
(Cagliari)
-

L'Europa attacca ancora una volta l'Italia. E questa volta, a farne le spese, è il vino.
Dopo lo spumante, la Commissione europea ha dato il via libera alla...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati