Antonio Razzi: Selfie VERGOGNA con Bashar al Assad, UN DITTATORE SANGUINARIO

(Roma)ore 09:29:00 del 27/03/2017 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Esteri, Politica

Antonio Razzi: Selfie VERGOGNA con Bashar al Assad, UN DITTATORE SANGUINARIO

Ci siamo sempre chiesti come diavolo abbia fatto Di Pietro in passato ad aver caricato a bordo della sua modesta imbarcazione squallidi personaggi come Razzi e Scilipoti.

Ci siamo sempre chiesti come diavolo abbia fatto Di Pietro in passato ad aver caricato a bordo della sua modesta imbarcazione squallidi personaggi come Razzi e Scilipoti. Non crediamo che fondando "L'Italia dei valori" volesse riferirsi ai "valori" filigranacei, molto graditi ai suddetti individui, facilmente adescati a suo tempo dal nano mediatico. Evidentemente è mancato, a Di Pietro, un valido sistema di "sorveglianza in ingresso".

Una vergogna senza limite. Solo così si può definire il selfie che il senatore Antonio Razzi, in quota Forza Italia, si è scattato con Bashar al Assad, presidente siriano, autore di crimini contro l’umanità.

Qualcuno, comunque, potrebbe avvertire Razzi che dopo il salvataggio in esclusiva di Minzolini gli converrebbe aspettare un attimo a leccare le pudenda di Assad. Può darsi che il nano mediatico venga riabilitato a Strasburgo (speriamo di no). In tal caso basterebbe a Razzi continuare a slappare il solco intergluteo del suddetto nano per mantenere il suo posticino, in modo da non peggiorare l'alitosi di cui certamente soffre.

Fino all'altro ieri Assad era un valido interlocutore per l'Occidente e tutto d'un colpo diventa un sanguinario dittatore. Mistero della fede. O meglio mistero degli interessi americani in giro per il mondo. Sarà forse stato travolto dal soffio magico della democrazia che, come lo Spirito soffia dove vuole e quando vuole, ma guarda caso sempre come ordina Washington, ha "ispirato" le primavere arabe portando scompiglio chissà perchè esattamente e solamente e in modo chirurgico solo in quegli stati retti governi laici e non islamici. Potere dello spirito che trasforma governi abbastanza decenti in governi sanguinari per il tornaconto degli esportatori di democrazia nel mondo

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Medico che per anni ha vaccinato cambia posizione: VIDEO
Medico che per anni ha vaccinato cambia posizione: VIDEO
(Roma)
-

«Nell’arco di tutti questi anni, io sono stata una persona che ha vaccinato, ho vaccinato mio figlio, ho fatto vaccini agli altri.
«Nell’arco di tutti questi anni, io sono stata una persona che ha vaccinato, ho...

NUOVO GOVERNO LEGA-MS5: SI PREVEDE IL CROLLO NEL MEDIO TERMINE
NUOVO GOVERNO LEGA-MS5: SI PREVEDE IL CROLLO NEL MEDIO TERMINE
(Roma)
-

Si rende noto quanto emerso dalla riunione della Segreteria Nazionale del Nuovo Cdu, avvenuta giovedì scorso.
MILANO, 19 giugno 2018 - Si rende noto quanto emerso dalla riunione della...

TRISTEZZA, VIRUS CHE DISTRUGGE L'ARANCIA ROSSA IN SICILIA
TRISTEZZA, VIRUS CHE DISTRUGGE L'ARANCIA ROSSA IN SICILIA
(Roma)
-

Sono ormai anni che in Sicilia si parla del virus Tristezza (Citrus Tristeza Virus), che rischia di mettere in ginocchio i produttori locali di arance
Sono ormai anni che in Sicilia si parla del virus Tristezza (Citrus Tristeza...

E se gli incendi estivi fossero provocati per incentivare un giro di affari milionario?
E se gli incendi estivi fossero provocati per incentivare un giro di affari milionario?
(Roma)
-

Lo scrive sulla propria pagina facebook Gherardo Chirici, professore associato di Inventari forestali e telerilevamento presso Università degli Studi di Firenze
E se gli incendi estivi fossero provocati per incentivare un giro di affari...

Vittime e cavie della Mafia sanitaria. Ricordando la storia
Vittime e cavie della Mafia sanitaria. Ricordando la storia
(Roma)
-

La storia di Tina Anselmi, l’allora Ministro della Sanità nel 1979, ci insegna che da anni siamo vittime di “mafia sanitaria”.
La storia di Tina Anselmi, l’allora Ministro della Sanità nel 1979, ci insegna...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati