Anteprima The Golf Club 2

(Palermo)ore 22:37:00 del 11/07/2017 - Categoria: , Videogames

Anteprima The Golf Club 2

Ne scaturì un gioco basato sostanzialmente sulla possibilità di giocare all’infinito, grazie alle feature creative che permettevano di costruire i propri campi fin nei minimi dettagli, con risultati apprezzabili.

Il primo The Golf Club del 2014 nacque dalle ceneri della serie di videogiochi a tema golfistico Tiger Woods PGA Tour, pubblicata e sviluppata con cadenza annuale da EA Sportsseguendo la tradizione tipica della casa con i videogiochi sportivi. In seguito agli torbidi scandali che riguardarono il campione, sia da parte di EA che da parte dello stesso si decise mutualmente di cessare lo sviluppo di ulteriori capitoli della serie. Così i ragazzi di HB Studios, i quali avevano già lavorato principalmente per conto di EA a giochi di cricket e rugby, decisero di lavorare con l’engine grafico Unity ad una nuova IP golfistica, cercando di colmare la mancanza che la cancellazione del progetto aveva portato nel mercato videoludico. Ne scaturì un gioco basato sostanzialmente sulla possibilità di giocare all’infinito, grazie alle feature creative che permettevano di costruire i propri campi fin nei minimi dettagli, con risultati apprezzabili. Circa tre anni dopo, la serie torna con il suo secondo capitolo.

Una delle mancanze più evidenti di The Golf Club  era legata alla modalità Carriera, difatti non presente in alcuna maniera. Gli sviluppatori hanno voluto porre rimedio a questa situazione ma in modo un po' inaspettato. In The Golf Club 2, infatti, fanno la loro comparsa le società, ovvero gruppi di golfisti che partecipano a competizioni di varia importanza al fine di accumulare montepremi e poter dire la loro in gare sempre più importanti. Il giocatore, in tutto questo, inizierà la propria carriera in una società di basso livello, e potrà organizzare eventi incentrati su percorsi e gare inizialmente di scarso appeal. Vincendo queste prime competizioni, liberamente selezionabili, il proprio club crescerà e potrà contare su un gruzzolo sempre più elevato, che darà la possibilità di migliorare esteticamente il proprio club e il proprio golfista. Non si tratta quindi di un sistema che prevede una certa evoluzione nelle abilità del golfista, ma solamente una gestione dei propri fondi che corrispondono alle vincite dei tornei cui si partecipa. Questo stesso sistema si applica anche al comparto online, con la differenza che i giocatori potranno riunirsi in società e creare tornei cui potranno prendere parte anche altri club. I montepremi generati dalla quota di ingresso di ogni società andranno al club vincitore, che così potrà espandersi e diventare sempre più potente. Ogni giocatore può prendere parte fino a 5 società online: di queste, una sarà quella principale, con la quale si gareggerà ogni volta che si organizzeranno eventi riguardanti la competizione tra club di giocatori.
Dobbiamo dire che tutto questo sistema ricalca un po' la sensazione generale che ci siamo fatti del titolo, ovvero quella di una certa complessità di fondo, cui si accompagna una esperienza che potremmo paragonare a quella di alcuni simulatori di guida. Spieghiamoci meglio: alcune volte è possibile leggere di titoli di guida particolarmente soddisfacenti dal punto di vista del gameplay, ma poco ricchi nelle modalità di gioco.

In questi casi si dice che il prodotto è più un simulatore che una simulazione, in quanto manca delle caratteristiche necessarie a creare il divertimento proprio di progetti forse meno dotati, ma più ricchi di opzioni. In un certo senso The Golf Club 2 presenta la stessa meccanica: come vedremo meglio nell'analisi del gameplay, infatti, il gioco propone alcuni elementi positivi, ma l'intera esperienza sembra mancare di organicità, e anche il multiplayer non sembra possa proporre la sfida auspicata.
Si fa presto a colpire una pallina

La nostra prova di The Golf Club 2 è avvenuta su PlayStation 4: il pad, pertanto, ha rappresentato l’opzione di controllo sostanzialmente obbligata, ma memore delle nostre esperienze su PC legate al primo capitolo ci spingiamo a dire che è proprio questo il sistema di controllo maggiormente consigliabile anche sulla controparte desktop. Le differenze più evidenti tra il secondo e il primo capitolo, in ogni caso, si notano appena avviato il gioco: per prima cosa, il titolo ora chiederà al giocatore quale levetta deve essere presa in considerazione per effettuare lo swing. Una aggiunta particolarmente gradita specie per i giocatori mancini, come chi scrive. In secondo luogo, il gioco propone ora un tutorial decisamente ricco e ben realizzato, che si occupa non solo degli aspetti basici, ma anche di quelli più complessi e avanzati. Una volta scesi sul green, invece, il cambiamento più evidente riguarda il giudizio - espresso in maniera testuale - sulla qualità di backswing e downswing, ovvero i due momenti principali che precedono l'impatto con la pallina. Non è detto che avere un impatto perfetto rappresenti sempre la soluzione ideale: uno swing lento, ad esempio, può fare in modo che il tiro risulti meno incisivo, e magari capace di coprire precisamente le yarde che servono per arrivare nel green. Tutto ciò rappresenta un discorso differente da quello legato qualità dell'azione della levetta sull'asse verticale, che deve risultare il più possibile dritta come nel primo capitolo. Sbagliare questo esercizio garantirà risultati disastrosi, con tiri particolarmente storti, deboli e quasi sicuramente in grado di finire nel rough, nell'acqua o nella sabbia. Il fulcro del gameplay di The Golf Club 2 è molto simile a quello del primo capitolo: il gioco è ancora spietato e non perdona le disattenzioni dei giocatori meno esperti, che all'inizio potrebbero avere a che fare con una curva di apprendimento decisamente ripida. Allo stesso tempo permangono alcune difficoltà e imprecisioni, ad esempio nei chip, cioè i tiri vicini al green. In questi casi è risultato spesso complicato comprendere il potenziale delle yarde ottenibili dalle varie mazze, perché spesso molto diverso da quello preventivato.

La gestione del putter, inoltre, è ancora una volta molto delicata, perché basata esclusivamente sull'azione della levetta, e sulla capacità di calcolare la forza e l'inclinazione necessaria a raggiungere la buca. Per ultimo, è giusto accennare al nuovo sistema dei set di mazze. Sono presenti infatti, tre opzioni capaci di regalare determinati valori di potenza e controllo sui tiri. Le mazze tour, infatti, garantiscono le prestazioni migliori a fronte di una elevata difficoltà di utilizzo, le mazze standard consentono invece di effettuare qualche etto in più, mentre le mazze da giocatore consentiranno di approfondire nel dettaglio la composizione della propria del proprio set.
Giorno nuovo, percorso nuovo
L’editor dei campi torna anche in The Golf Club 2 con una versione potenziata e migliorata. Creare percorsi è sostanzialmente semplice, e i giocatori che vogliono dedicare del tempo a questa attività potranno ottenere soddisfazioni in maniera abbastanza rapida. È interessante notare come gli oltre 150.000 campi creati nel primo The Golf Club  siano compatibili anche con questo secondo capitolo. Ciò significa che fin dall'inizio i giocatori possono contare su un quantitativo di campi che semplicemente è imparagonabile a quello degli altri titoli di golf in commercio, ma tutto ciò non deve trarre in errore. È evidente come la qualità delle realizzazioni sia fortemente altalenante, e più volte ci siamo trovati a competere su campi “stravaganti” che presentavano green occupati da scoiattoli, cervi, oppure muretti da evitare.
Sul versante grafico, invece, il gioco mostra dei livelli decisamente altalenanti. Dal punto di vista della varietà estetica il salto rispetto al capitolo precedente è apprezzabile, grazie anche alla varietà elevata di capi di vestiario acquistabili grazie alle vincite accumulate. Non convince però, l'esecuzione complessiva, che dimostra delle imprecisioni negli elementi di contorno, come l'acqua, e nella proposizione di alcune particolari condizioni atmosferiche, come la pioggia. In generale il gioco si sforza di proporre ambienti molto differenti fra di loro, spaziando fra la neve fino ad arrivare al deserto, ma tutto ciò non è sempre un piacere per gli occhi, per via anche del costante aliasing e della gestione non sempre impeccabile dell'illuminazione. Dal punto di vista audio dobbiamo soffermarci sulla telecronaca, che così come nel primo capitolo non mancherà di sottolineare con battute sarcastiche i tiri meno riusciti. La cosa interessante è che durante gli eventi della Carriera, invece, lo stesso telecronista assumerà un ruolo decisamente più pacato, con un volume di voce più basso e considerazioni più precise, sebbene abbastanza ripetitive dopo poco tempo.
Per concludere, veniamo a qualche considerazione tecnica: l’intera esperienza si basa su un sistema che potremmo definire always online, visto che è necessaria una connessione internet per scegliere la maggioranza dei campi, controllare le statistiche e aggiornare le caratteristiche di club e golfisti. C'è da dire che tutto ciò determina una lentezza generale anche nella navigazione dei menu, visto che anche per acquistare un semplice capo di vestiario sarà necessaria una lunga comunicazione tra la console e i server di gioco. In alcuni casi questo sistema ha mostrato le sue lacune, con acquisti falliti a causa di errore di rete, e match finiti anzitempo a causa di cali nella connessione. 

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
XBOX ONE X: ne vale la pena? Recensione
XBOX ONE X: ne vale la pena? Recensione
(Palermo)
-

Partiamo subito col dire che Xbox One X non inaugura una nuova generazione, come alcuni siti si sono affrettati a evidenziare, ma rappresenta un aggiornamento sostanzioso e a tratti stupefacente di Xbox One S e più in generale dell'intero ecosistema Xbox
Partiamo subito col dire che Xbox One X non inaugura una nuova generazione, come...

Recensione Football Manager 2018
Recensione Football Manager 2018
(Palermo)
-

Nel caso in cui, invece, non abbiate mai giocato un capitolo della serie che fu Championship Manager (Scudetto qui nello Stivale) o siate semplicemente curiosi di leggere le nostre lamentele così come i nostri elogi, allora allentate il nodo della cravatt
Puntuale come la pioggia torrenziale il giorno dopo aver lavato la macchina,...

Anteprima Guardians of the Galaxy The Telltale Series
Anteprima Guardians of the Galaxy The Telltale Series
(Palermo)
-

Il vero successo però arriva nel 2014, con l'uscita del film nelle sale cinematografiche, momento in cui i vari personaggi del team vengono impressi nell'immaginario collettivo.
La prima cosa che ci teniamo a dire è che se siete amanti o detrattori delle...

Anteprima Need For Speed Payback
Anteprima Need For Speed Payback
(Palermo)
-

La progressione di gioco, dopo la prima fase piuttosto agevole, risulta essere un po' più lenta, complice una difficoltà un po' artificiosa e la brutta ombra delle microtransazioni sempre presenti (per chi vuole bruciare le tappe e non solo).
Si tende a considerare il terzo capitolo come quello della maturità, in cui le...

Anteprima Max The Curse Of Brotherhood
Anteprima Max The Curse Of Brotherhood
(Palermo)
-

Ora, nonostante le lungaggini di una conversione che ha portato via davvero troppo tempo al team, potrete apprezzare l’ottimo platform realizzato dalla danese Press Playanche sulla vecchia Xbox 360.
Max non è un bambino cattivo. Ha una fervida immaginazione e come tutti i...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati