Andando a votare, LEGITTIMATE QUESTI PAGLIACCI: la GARA DEI POLLI sta per iniziare!

(Roma)ore 14:47:00 del 13/02/2018 - Categoria: , Denunce, Politica

Andando a votare, LEGITTIMATE QUESTI PAGLIACCI: la GARA DEI POLLI sta per iniziare!

La gara dei polli sta per iniziare. Si stanno raccogliendo le scommesse su chi vincerà. Il tifo è alle stelle e la lucidità mentale è sparita da tempo.

La gara dei polli sta per iniziare. Si stanno raccogliendo le scommesse su chi vincerà. Il tifo è alle stelle e la lucidità mentale è sparita da tempo.

Ormai si combatte a colpi di slogan collettivisti e di tale idiozia da ritenere il tifoso privo di capacità mentali: dai redditi di cittadinanza regalati nelle patatine, alla restituzione delle tasse pagate, fino all’abbassamento delle tasse da parte di colui che le ha aumentate ieri, oggi e domani decidendo aumenti per il prossimo lustro (Iva, imposte sui bolli, Tares, multe), ce n’è da sbizzarrirsi.

E’ la sagra del collettivismo, l’importante è spararla grossa, apparire sui giornali, sulle vignette in Facebook, esaltare la propria tifoseria, illuderla, comprarla con qualche panzana. Ormai il popolo crede che il governante possa fare quello che vuole una volta al potere, è disposto a dargli ancora più potere e privarsi di ogni libertà, purché il processo di irresponsabilizzazione continui e sia qualcun altro a pagare il pasto che oggi viene consumato (illusoriamente) gratis. Il conto sarà salato, ma tanto pagherà il perdente…

Nella fila di polli allineati sulla linea di partenza non c’è traccia di un programma che punti alla riduzione dello Stato, al suo arretramento dall’ingerenza nella vita delle persone. Tutti i politicomani reclamano più potere per fare il “Bene Comune”, Clownaddirittura vogliono nazionalizzare quei campioni di irresponsabilità istituzionalizzata che sono le banche, diventate giocatori d’azzardo, consumatori abituali e assuefatti di derivati. Ma lasciatele fallire! Chissà perché comunque il popolo brama di esercitare il proprio voto, sono tutti convinti che questa volta sia diverso e tutte queste panzane si realizzeranno. Si sa che la speranza è l’ultima a morire. Intanto sono sicuramente morte la lucidità, il raziocinio, la capacità di giudicare quando si ha di fronte un racconta-palle, le nozioni base di economia sana (risparmio, sacrificio, rischio, responsabilità) e soprattutto la propria dignità: invece di mandare a quel paese i protagonisti indiscussi dello sfacelo economico, ma soprattutto morale e culturale di questo nuovo millennio, sono tutti in fila pronti a supportarli. Ma perché vi volete fare del male?

Se andate a votare accadrà questo: li legittimate a bastonarvi (il conto alla fine lo dovrete pagare voi); li incoraggiate a fare quello che han sempre fatto (con i risultati che vediamo); li fate sentire persone serie, credibili ed intelligenti (quando proprio Benigninon lo sono); li fate sentire i vostri leader (mentre sono soltanto dei sociopatici); li fate entrare in un mondo di privilegi (col cavolo che se ne priveranno, tanto il conto lo pagate sempre voi); togliete un paio di braccia ad un lavoro più produttivo; affidate la risoluzione dei vostri problemi a gente che vuole solo controllarvi e che costruirà attorno a voi ancora più burocrazia e regole insensate (la causa principale dei vostri problemi); li autorizzate a spremervi, a controllarvi ancora di più. Tanti mi dicono che se non voti, allora voterà un altro al posto tuo. E allora? Sai che incisività! Per i prossimi quattro anni e dieci mesi non sarete nient’altro che uno strato di terra da calpestare ed un portafoglio da svuotare. Ma li avrete comunque incoraggiati, vi ripeteranno all’infinito “Abbiamo avuto il mandato degli italiani a governare”.

Quello che determinerebbe ogni cosa, quello che li metterebbe in riga e li spaventerebbe sul serio è la mancanza di denaro nelle casse del forziere. Sì, mi piace quello che stai facendo, quindi ti do la monetina. No, stai facendo una sacco di cazzate, non ti do la monetina e questo mese rimani senza stipendio. Questo sarebbe il vostro unico e vero voto utile: una partecipazione volontaria e non coercitiva alla fiscalità generale! Ma questa facoltà viene negata espressamente addirittura nella Costituzione, ve l’ha detto il giullare Benigni? Partecipate pure alla gara di polli che sta per cominciare. Tanto l’esito è irrilevante.

Da:  QUI

Autore: Luca

Notizie di oggi
Tutte le spese FUORI CONTROLLO della GERMANIA
Tutte le spese FUORI CONTROLLO della GERMANIA
(Roma)
-

Berlino chiede rigore ai paesi europei ma sulle uscite previdenziali ha un debito inarrestabile. Peggio di quello dell'Italia
Rigore, rigore e ancora rigore. Ai soci dell’eurozona...

SI TAV - Salvini sta con i partiti che hanno sfasciato l'Italia
SI TAV - Salvini sta con i partiti che hanno sfasciato l'Italia
(Roma)
-

Non mi interessa quello che racconti, non voglio nemmeno sentirlo. Così è Torino, con chi ripete – per la milionesima volta – che la linea ferroviaria Tav Torino-Lione sarebbe un doppione inutile della linea esistente, deserta
Non mi interessa quello che racconti, non voglio nemmeno sentirlo. Così è...

Lo Stato NON E' UNA FAMIGLIA!
Lo Stato NON E' UNA FAMIGLIA!
(Roma)
-

Quando si perde la sovranità monetaria, inutile negarlo, si perde anche la libertà di poter fare determinate affermazioni soprattutto in materia di politica economica e monetaria
Quando si perde la sovranità monetaria, inutile negarlo, si perde anche la...

Come AirBnB sta uccidendo la vera Napoli
Come AirBnB sta uccidendo la vera Napoli
(Roma)
-

Nei Quartieri Spagnoli il turismo gestito dalla piattaforma online sta scacciando i vecchi residenti. E gli storici “bassi” sono diventati un’attrazione folcloristica.
«I Quartieri Spagnoli a Napoli hanno goduto per anni di una cattiva nomea, ma...

GUERRE GENITORIALI: gli effetti devastanti sulla mente dei figli
GUERRE GENITORIALI: gli effetti devastanti sulla mente dei figli
(Roma)
-

Litigare davanti ai figli: gli effetti sullo sviluppo infantile e la personalità adulta.
Liti e contro-liti capitano più spesso di quanto possiamo immaginare durante...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati