Amatrice, prete umilia i politici ai funerali

(Rieti)ore 17:20:00 del 03/09/2016 - Categoria: Cronaca

Amatrice, prete umilia i politici ai funerali

Intervistato da Repubblica, il prete ha spiegato le ragioni della sua imposizione:”Toglievano la vista della messa a chi stava dietro, c’ erano diversi familiari”.

 

Amatrice, prete umilia i politici ai funerali: “Via i loro fiori e si siedano negli ultimi banchi. Basta spot”

Intervistato da Repubblica, il prete ha spiegato le ragioni della sua imposizione:”Toglievano la vista della messa a chi stava dietro, c’ erano diversi familiari”. Ma non è stato un po’ drastico questo bando? “Il giorno dopo il fiore è già morto, invece i problemi restano. In un funerale come questo il profluvio di corone costa migliaia di euro. Una sola va dagli ottanta ai quattrocento, soldi buttati. Perché chi ha firmato quegli addobbi floreali non ha fatto un assegno di pari valore?”

Il Fra Cristoforo in questione è Don Fabio Gammarota, giovane prete che ha servito in passato anche ad Amatrice, mentre i Don Rodrigo sono le corone di fiori inviate dal presidente del Consiglio, dal presidente del Senato, dal sindaco di Roma e dal presidente della Regione Lazio. Mentre le composizioni funebri venivano sistemate nella chiesa-tendone allestita per i funerali, don Fabio si è rivolto ai militari dicendo: “Queste le portate via, la cerimonia non ha bisogno di sponsorizzazione”. E via sono state portate, lontane dall’altare.

Un umile pretino di provincia contro le più alte cariche dello Stato. E’il parroco di Posta e Cittareale, comuni poco distanti dall’epicentro del sisma, che lunedì scorso si è opposto alla presenza (simbolica) dei politici ai funerali rietini delle vittime del terremoto.

Stoccata finale contro la presenza invasiva ed esibita dello Stato e dei suoi rappresentanti in un momento di intimo dolore come i funerali delle vittime: “Mi piace l’ idea che chi viene da fuori e assiste a un dolore di questa portata si accomodi nella sedie in fondo e aspetti che il protagonista di quel dolore gli dica: “Amico, vieni a sederti con noi, davanti” “.

 

Una posizione che sa un po’ di polemica contro le istituzioni. E infatti Don Fabio ha il dente vagamente avvelenato contro la gestione del territorio distrutto dal sisma: “C’ è rabbia pregressa, è indubbio. Nessuna critica ai soccorsi e alle prime azioni del governo, ma va ricordato che la provincia di Rieti è frutto di uno spezzatino. Un po’ tolta da Roma, un po’ da Ascoli, un po’ dall’ Aquila. Il risultato è che per arrivare qui non c’ è neppure una ferrovia”.

Autore: Luca

Notizie di oggi
SENZA PAROLE - I cittadini greci PIU' POVERI ​dei migranti che li hanno invasi!
SENZA PAROLE - I cittadini greci PIU' POVERI ​dei migranti che li hanno invasi!
(Rieti)
-

Da Atene. La capo infermiera si accende una sigaretta dietro l’altra, torcendosi le mani coperte di tatuaggi. Ci prega di non rivelare il suo nome: «Altrimenti mi licenziano», spiega.
Da Atene. La capo infermiera si accende una sigaretta dietro l’altra,...

Lo Stato vuole la DISTRUZIONE DELLA SCUOLA: ALUNNI SEMPRE PIU' ANALFABETI
Lo Stato vuole la DISTRUZIONE DELLA SCUOLA: ALUNNI SEMPRE PIU' ANALFABETI
(Rieti)
-

Basta leggere alcune delle testimonianze drammatiche dei 600 professori universitari che in pochi giorni hanno sottoscritto un accorato appello al governo e al Parlamento per mettere in campo un piano di emergenza che rilanci lo studio della lingua italia
Possibile ritrovarsi a correggere una tesi di laurea dovendo usare la matita...

Schedano i terroristi, MA LI LASCIANO LIBERI DI UCCIDERE
Schedano i terroristi, MA LI LASCIANO LIBERI DI UCCIDERE
(Rieti)
-

«Un anno dopo Bruxelles, c'è Londra, e la lista degli obiettivi non è esaurita - commenta da Washington Edward Luttwak, esperto di strategia militare e consulente della Casa Bianca - L'attentatore di Westminster era noto ai servizi di sua Maestà, il che e
Il terrore arriva fin sotto il Big Ben, e porta il nome di Khalid Masood. «Un...

Tangentopoli, cosa conoscere
Tangentopoli, cosa conoscere
(Rieti)
-

In particolare avevano fatto cadere la nomina di Bettino Craxi a presidente del Consiglio: al vertice dello Stato, Scalfaro, informato dai giudici di Mani Pulite, aveva preso atto delle indagini segrete in corso e aveva ripiegato su Giuliano Amato.
Il saggio di Ferdinando Cionti spiega perché “Mani pulite” non toccò i leader...

Trump caccia i migranti!
Trump caccia i migranti!
(Rieti)
-

Mentre probabilmente nessuna di queste speranze si avvererà fino in fondo, c’è il rischio che Donald Trump porti a termine, senza nemmeno volerlo, la completa demolizione della credibilità dei media mainstream.
Molti si aspettavano che il presidente Trump avrebbe rivelato al mondo la verità...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati