Agnelli SAPEVA dello striscione VERGOGNOSO su Superga: RADIARLO SUBITO!

(Milano)ore 08:43:00 del 06/04/2017 - Categoria: , Calcio, Denunce

Agnelli SAPEVA dello striscione VERGOGNOSO su Superga: RADIARLO SUBITO!

Il sito ilnapolista.it (seguito da “La Repubblica” e da “Il Fatto Quotidiano”) ha pubblicato in esclusiva alcuni stralci del documento della procura, e quel che si legge sull’attuale Presidente bianconero, riguardo la vicenda degli striscioni “contro Supe

Il sito ilnapolista.it (seguito da “La Repubblica” e da “Il Fatto Quotidiano”) ha pubblicato in esclusiva alcuni stralci del documento della procura, e quel che si legge sull’attuale Presidente bianconero, riguardo la vicenda degli striscioni “contro Superga” durante il derby 2014, fa girare lo stomaco. Le carte della procura esaminate dal sito napoletano riportano come Andrea Agnelli fosse a conoscenza dell’introduzione all’interno dello Juventus Stadium del tristemente celebre striscione Superga, solo uno schianto”, esposto da una parte di tifosi bianconeri durante il derby del febbraio 2014. Non solo, secondo quanto riportato dalle carte federali, gli striscioni “clandestinamente introdotti, pur nella consapevolezza che la loro esposizione avrebbe comportato una salata ammenda per la Società” furono introdotti, appunto, dal capo della sicurezza della Juventus Alessandro D’Angelo e dal capo ultras Raffaele Bucci, recentemente suicidatosi.

I due introdussero lo striscione all’interno dello stadio per – si legge negli atti –“evitare lo sciopero del tifo ed eventuali ritorsioni nei confronti della propria Società di appartenenza”, con Andrea Agnelli che – come annota il procuratore federale Pecoraro – “era perfettamente a conoscenza dell’introduzione di materiale vietato all’interno dello stadio perché di ciò informato da D’Angelo con il quale risulta intrattenere un rapporto personale di amicizia oltre che rapporti di natura professionale”. Agnelli dunque sapeva, come dimostra per altro la telefonata dello stesso numero 1 bianconero a D’Angelo dopo aver appreso che le telecamere di sicurezza dello Stadium avevano beccato lui e Bucci in flagrante: “Ale (D’Angelo, ndr) sei un ciuccio, ti hanno beccato!”

Ma non solo, Agnelli infatti – sentito dalla procura – incolpa di tutto D’Angelo, ma – come si evince dalle carte e dalle intercettazioni, Agnelli sapeva benissimo dei “compromessi” attuati dal suo amico/dipendente D’Angelo nei confronti della frangia più estrema del tifo bianconero, e non solo non fece nulla per fermarli ma addirittura non allontanò mai queste persone dalla società Juventus. Una storia, dunque, quella svelata dal sito partenopeo, che non lascia troppi spazi ai dubbi e alle perplessità: il Presidente della più ricca e forte squadra italiana sapeva dell’introduzione di striscioni beceri e altamente offensivi all’interno del proprio stadio, con il capo della sicurezza (a quanto pare) incaricato dallo stesso di eseguire l’operazione.

“No a striscioni di tifosi canaglia”, tuonava lo stesso Agnelli davanti alla telecamere dopo quel famoso derby, e arisentire adesso quelle parole, la sensazione è che la figura della canaglia, qui, la stia facendo chi dovrebbe controllare ed assicurarsi che i tifosi presenti nel suo stadio non facessero, appunto, “le canaglie”. Ma quis custodiet ipsos custodes? Chi controlla chi dovrebbe farlo?

Autore: Luca

Notizie di oggi
'Sei italiano? Non mi servi'! Ecco a cosa servono veramente gli IMMIGRATI
'Sei italiano? Non mi servi'! Ecco a cosa servono veramente gli IMMIGRATI
(Milano)
-

Nelle campagne della provincia bresciana è stata condotta un’inchiesta giornalistica, pubblicata dal Giornale di Brescia: c’è posto, per un italiano, come lavoratore agricolo?
Nelle campagne della provincia bresciana è stata condotta un’inchiesta...

Europa fondata sulla paura: NON TEMETE I SOVRANISTI
Europa fondata sulla paura: NON TEMETE I SOVRANISTI
(Milano)
-

Anche in Svezia l’onda sovranista cresce, ma non abbastanza da rovesciare gli assetti di governo
Anche in Svezia l’onda sovranista cresce, ma non abbastanza da rovesciare gli...

Cozze pericolose: contaminazione batteria in tutta Italia
Cozze pericolose: contaminazione batteria in tutta Italia
(Milano)
-

Cozze ritirate dal mercato: è scattato in questi giorni in tutta Italia l’allarme per le cozze vive refrigerate che, secondo le analisi condotte sui mitili, sarebbero contaminate oltre i limiti consentiti dalla legge dal batterio Escherichia Coli.
Cozze ritirate dal mercato: è scattato in questi giorni in tutta Italia...

Edlettrodomestici costruiti per rompersi subito dopo la garanzia
Edlettrodomestici costruiti per rompersi subito dopo la garanzia
(Milano)
-

Germania, uno studio dimostra: elettrodomestici costruiti per rompersi subito dopo la garanzia
Quando in casa un elettrodomestico si rompe all’improvviso, senza motivo e...

Forno a microonde: tutte le malattia collegate
Forno a microonde: tutte le malattia collegate
(Milano)
-

Durante la Seconda Guerra Mondiale , due scienziati hanno inventato un tubo a microonde chiamato magnetron .
Durante la Seconda Guerra Mondiale , due scienziati hanno inventato un tubo a...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati