Accordo di Separazione consensuale

(Venezia)ore 20:09:00 del 11/07/2016 - Categoria: Cultura, Guide

Accordo di Separazione consensuale

La separazione consensuale non è quindi possibile in mancanza di un accordo tra i coniugi che investa ciascuna questione (diritti sul patrimonio, mantenimento del coniuge debole, diritti di visita e mantenimento della prole, assegnazione della casa coniug

La caratteristica della separazione legale è che, essendo un atto formale, a differenza della separazione di fatto, dà inizio al periodo necessario che deve trascorrere tra la richiesta di separazione e l’effettivo divorzio.

La separazione consensuale è una procedura attraverso la quale due coniugi possono liberamente decidere, di comune accordo, lo scioglimento legale del matrimonio e concordare le condizioni della separazione.

La negoziazione assistita, ossia con la presenza di almeno un avvocato per parte, può essere un valido strumento al quale ricorrere sia in presenza che in assenza di figli minori o di figli maggiorenni, incapaci, portatori di handicap grave ovvero economicamente non autosufficienti, al fine di raggiungere un accordo circa separazione personale, cessazione degli effetti civili o scioglimento del matrimonio e la modifica delle precedenti condizioni di separazione o divorzio.

La separazione consensuale presso gli Uffici del Comune può avvenire solo in assenza di figli minori. Una volta trascorso il tempo necessario dall’emissione del decreto di omologazione della separazione, i coniugi possono presentarsi dinanzi all’ufficiale di stato civile per sottoscrivere l’accordo.

Dopo la presentazione del ricorso con cui i coniugi chiedono di comparire dinanzi al presidente del Tribunale per ottenere il decreto di omologazione della separazione (accertamento effettuato dall’autorità competente al fine di verificare la conformità dell’atto), i coniugi dovranno comparire dinanzi all’autorità competente nel luogo e nella data fissata nel decreto di fissazione dell’udienza (in alcuni casi è richiesta la presenza di un legale).

Separazione consensuale - La separazione consensuale si differenzia, poi, dalla separazione giudiziale per il fatto che i coniugi giungono autonomamente a stabilire quelle che sono le condizioni della separazione.

Separazione consensuale: novità, divorzio breve

Con il decreto giustizia n. 132/2014 convertito in legge n. 162/2014 è possibile utilizzare altre due procedure al fine di ottenere il divorzio senza ricorrere al Tribunale: la negoziazione assistita e il divorzio presso gli Uffici del Comune.

Se, infatti, regolarmente, il tempo necessario tra il decreto di omologazione ed il divorzio è di tre anni, dopo l’introduzione della legge suindicata, i coniugi possono richiedere il divorzio già dopo sei mesi (un anno in caso di separazione giudiziale).

Cos’è e come funziona la separazione consensuale? Ecco tutte le novità: la separazione consensuale breve senza ricorrere al Tribunale.

Separazione consensuale: negoziazione assistita e divorzio senza Tribunale

Con la legge n. 55/2015 viene introdotto la separazione breve che prevede l’abbreviazione dei termini al fine di ottenere il divorzio.

La separazione consensuale è lo strumento attraverso il quale marito e moglie, di comune accordo tra loro, decidono di separarsi. La separazione consensuale non è quindi possibile in mancanza di un accordo tra i coniugi che investa ciascuna questione (diritti sul patrimonio, mantenimento del coniuge debole, diritti di visita e mantenimento della prole, assegnazione della casa coniugale).

La separazione consensuale al ricorrere di alcuni presupposti ha dei termini ridotti e grazie al decreto legge n. 132/2014 può avvenire senza Tribunale. Vediamo che cos’è, come funziona e quali sono nel dettaglio tutte le novità.

Requisito necessario è che vi sia assenza di interruzione del periodo di separazione.

Separazione consensuale - Le informazioni necessarie da inserire nel ricorso sono:

  • tribunale competente;
  • generalità dei coniugi;
  • i motivi per cui si chiede la separazione;
  • presenza di figli minorenni, condizioni per il relativo affidamento e mantenimento.

In caso, invece, di presenza di figli minori l’accordo viene inviato entro 10 giorni al PM il quale valuta se sono stati rispettati gli interessi dei figli: se nulla osta lo autorizza, in caso contrario lo invia, entro 5 giorni, al presidente del Tribunale che dispone la comparizione delle parti entro 30 giorni.

Separazione consensuale: cos’è e come funziona

CLICCA MI PIACE PER SEGUIRCI SU FACEBOOK!

In caso di assenza di figli minori l’accordo viene sottoposto al vaglio del procuratore della Repubblica presso il Tribunale competente.

Separazione consensuale - Una volta autorizzato l’accordo, esso deve essere sottoscritto ed inviato, entro 10 giorni, all’ufficio dello stato civile del Comune dove il matrimonio fu iscritto.

Separazione consensuale - Il divorzio breve in Tribunale può essere utilizzato anche in presenza di figli minori, maggiorenni incapaci o economicamente non autosufficienti ovvero portatori di handicap grave.

Al momento della separazione i coniugi devono entrambi comparire dinanzi alla cancelleria con i rispettivi documenti di identità per presentare il ricorso e autenticare le firme.

La separazione legale è un atto formale temporaneo con il quale i coniugi presentano le motivazioni che rendono impossibile la prosecuzione del matrimonio al fine di giungere all’atto definitivo emesso dal giudice che fa cessare gli effetti del matrimonio: il divorzio.

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Sequestro beni da Equitalia? Ecco come evitarlo legalmente
Sequestro beni da Equitalia? Ecco come evitarlo legalmente
(Venezia)
-

Basta poco per essere letteralmente “perseguitati” da Equitalia, come per esempio non pagare il canone Tv e dopo una serie di solleciti pagamenti ecco arrivare la cartella da parte di Equitalia.
Il peggiore incubo degli italiani, oggi come oggi è diventato Equitalia, ovvero...

Come disattivare chiamate fastidiose dai Call Center
Come disattivare chiamate fastidiose dai Call Center
(Venezia)
-

Ogni sera, appena rientrate dal lavoro, ricevete quella fastidiosissima telefonata sul numero di casa, con la quale il call center di turno vuole offrirvi promozioni incredibili a un prezzo molto conveniente, ma a voi proprio non interessa e vorreste solo
Utilizzando un servizio pubblico a tutela del cittadino, è possibile comunicare...

Come scegliere una TV per giocare
Come scegliere una TV per giocare
(Venezia)
-

In un’epoca sempre più multimediale e convergente, la scelta di un televisore capace di soddisfare le più comuni esigenze di visione domestica, ma anche quelle di intrattenimento digitale sulle console da gaming, diventa vitale.
Un Tv per guardare e per giocare In un’epoca sempre più multimediale e...

RINFRESCHIAMO LA MEMORIA AI FRANCESI!
RINFRESCHIAMO LA MEMORIA AI FRANCESI!
(Venezia)
-

Vomitevole? Rinfreschiamo la memoria ai francesi: 17 Ottobre 1961, il massacro di Parigi – La nuit oubliée – la notte che i francesi cercano di nascondere.
Vomitevole? Rinfreschiamo la memoria ai francesi: 17 Ottobre 1961, il massacro...

Come risparmiare energia e avere una bolletta leggera in estate
Come risparmiare energia e avere una bolletta leggera in estate
(Venezia)
-

Con l’avvicinarsi dei mesi più caldi dell’anno, ritorna l’incubo di bollette da capogiro per moltissime famiglie.
Con l’avvicinarsi dei mesi più caldi dell’anno, ritorna l’incubo di bollette da...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati