A DUBAI HO RITROVATO LA GIOIA DI LAVORARE: IN ITALIA SE SEI BRAVO DIVENTI UN PROBLEMA

(Roma)ore 11:20:00 del 05/10/2016 - Categoria: Denunce, Lavoro

A DUBAI HO RITROVATO LA GIOIA DI LAVORARE: IN ITALIA SE SEI BRAVO DIVENTI UN PROBLEMA

L'Italia è l'unico paese in cui un neolaureato non viene pagato per un anno di lavoro in una multinazionale...fate voi! Sto ragazzo ha fatto non bene ma benissimo ad andarsene..d'altronde perchè restare e fare la fame quando in qualsiasi altro paese gli s

L'Italia è l'unico paese in cui un neolaureato non viene pagato per un anno di lavoro in una multinazionale...fate voi! Sto ragazzo ha fatto non bene ma benissimo ad andarsene..d'altronde perchè restare e fare la fame quando in qualsiasi altro paese gli stipendi sono quadruplicati? Per amore della patria?

In Italia vige la "meritocrazia al contrario": se sei uno che si fa in 4 nel proprio lavoro, manco un mezzo riconoscimento ma se capita un giorno di stanchezza che si rende meno, vieni subito ripreso e partono lettere e quant'altro. Invece al nullafacente (che normalmente è un gran leccapiedi, per non dir peggio), il giorno che lo vedono lavorare lo promuovono subito (o comunque partono gli elogi).

“Volevo riprendermi la gioia di andare a lavorare la mattina e quando mi hanno offerto un posto di lavoro aDubai sono saltato sul primo volo”. A raccontarsi a ilfattoquotidiano.it è Fabio Tonti, nato a Rimini 39 anni fa. Dopo una laurea in ingegneria elettronica presa a Bologna con il massimo dei voti, non aveva avuto problemi a trovare un buon lavoro vicino casa: “Sono stato assunto come sales area manager in una grossa multinazionale, dove ho lavorato per cinque anni”. Niente male come inizio, eppure nel giro di poco tempo Fabio comincia a sentire i primi campanelli di allarme: “Mi sono reso conto che dopo aver imparato le cose fondamentali il lavoro era diventato routinario e l’azienda non aveva alcun interesse a investire sulla professionalità dei suoi dipendenti. Magari a molti va benissimo così – aggiunge –, io però sentivo il bisogno di nuovi stimoli”.

In Italia la regola generale non è "essere bravo" o fare "un buon lavoro", ma "avere potere", che non ha necessariamente un legame con la qualità del lavoro. perciò, meglio avere "poco potere" nel proprio orticello che non averne nessuno e lavorare meglio. per cui, nessun capo / titolare ha interesse che qualcuno gli venga a dire cosa fare e come farlo, perché anche se guadagnerebbe di più dipenderebbe da qualcun altro e perderebbe "potere". e nella PA questa cosa è ancora più netta.

Allora decide di rimettersi in gioco da solo: “Mi sono iscritto a un master con l’intenzione di migliorare le mie capacità in campo manageriale, ma alla fine del corso nessuno dei miei superiori mi ha chiesto se avevo imparato qualcosa che potesse essere utile all’azienda”, ricorda. Molte le ragioni alla base di questo disinteresse: “In Italia se sei bravo diventi un problema – sottolinea -. In quegli anni ho visto moltepersone capaci mandate via in malo modo, solo perché il loro talento metteva i bastoni tra le ruote ai superiori”.

“In ho visto molte persone capaci mandate via in malo modo, solo perché il loro talento metteva i bastoni tra le ruote ai superiori”

Già, perché in Italia ognuno sembra interessato solo a mettere in luce il proprio operato: “Nelle aziende italiane i manager dei vari dipartimenti tendono a farsi la guerra per dimostrare che uno è più bravo dell’altro – racconta -, e pur di risaltare si prendono sempre tutto il merito”. Addio etica del lavoro: “Tendono a far passare i membri del loro team per dei buoni a nulla, a discapito della collaborazione”, spiega.

Così, quando è spuntata la possibilità di lavorare a DubaiFabio non ci ha pensato su due volte. E dopo due anni e mezzo negli Emirati Arabi non può che dirsi soddisfatto: “Sono stato assunto come gestore della catena di distribuzione (supply chain) da un’azienda che si occupa di packaging per l’alimentare, ma in realtà il mio lavoro abbraccia vari settori e questa è la cosa più stimolante”, spiega. E a Dubai s’investe sull’individuo: “I dirigenti cercano di mettere in risalto le capacità di tutti, anche perché così ci guadagna anche l’azienda”.

“Ogni anno riesco a risparmiare cinque volte di più di quanto non facessi in Italia”

E a lui piace vivere nella città degli Emirati. “La città è pulita e organizzatissima, io non ho la macchina e vivo benissimo”. La sicurezza, poi, “è ai massimi livelli”. Un esempio? “Se ti scordi il cellulare sul taxi o in un bar puoi star certo che ti verrà restituito”. Il costo della vita è molto alto, ma è più che rapportato agli stipendi: “Ogni anno riesco a risparmiare cinque volte di più di quanto non facessi in Italia”, sottolinea.

E anche l’aria che si respira è piacevole: “La gente è ottimista, serena. In Italia vedevo solo musi lunghi”. Ma nonostante l’entusiasmo, un po’ di nostalgia c’è: “Per quanto ti possa trovare bene all’estero, nessun luogo sarà mai come casa tua – ammette -, ma nella vita bisogna sempre vedere cosa perdi e cosa guadagni. Per quanto mi riguarda, da questo trasferimento ho guadagnato tantissimo”. Per questo aigiovani consiglia di fare un’esperienza fuori: “Ovviamente ognuno deve guardarsi dentro e capire se è una cosa che fa per lui – sottolinea -, ma io credo che stare lontani da casa per un po’ sia utile a tutti e non solo per aggiungere qualcosa in più sul proprio curriculum”.

Autore: Luca

Notizie di oggi
25 aprile: liberati, ma da chi? Sono 72 anni che viviamo sotto LADRI, DELINQUENTI E POLITICI CORROTTI
25 aprile: liberati, ma da chi? Sono 72 anni che viviamo sotto LADRI, DELINQUENTI E POLITICI CORROTTI
(Roma)
-

E’ da quel 25 Aprile 1945 che l’Italia vive sotto la prigionia di ladri, delinquenti, affamatori di popoli, di politici corrotti e arraffoni ingordi.
E’ da quel 25 Aprile 1945 che l’Italia vive sotto la prigionia di ladri,...

Tumore al cervello per uso del cellulare: prima sentenza
Tumore al cervello per uso del cellulare: prima sentenza
(Roma)
-

Gli era venuto un cancro perché usava il telefonino per lavoro, per più di tre ore al giorno per 15 anni e adesso l'Inail è stata condannata a pagare la rendita perpetua per il danno sul lavoro subito da un dipendente Telecom.  
Gli era venuto un cancro perché usava il telefonino per lavoro, per più di tre...

Siem Pilot: la nave che porta i migranti in Italia. VIDEO SHOCK
Siem Pilot: la nave che porta i migranti in Italia. VIDEO SHOCK
(Roma)
-

QUESTA L’INCREDIBILE ATTIVITÀ DELLA NAVE SIEM PILOT, CHE PORTA I MIGRANTI DALLE COSTE LIBICHE ALLE COSTE ITALIANE, CAMPANE, SICILIANE E SOPRATTUTTO SARDE.
QUESTA L’INCREDIBILE ATTIVITÀ DELLA NAVE SIEM PILOT, CHE PORTA I MIGRANTI DALLE...

LA SCHIAVITU' SILENZIOSA ALL'INTERNO DEI CENTRI COMMERCIALI
LA SCHIAVITU' SILENZIOSA ALL'INTERNO DEI CENTRI COMMERCIALI
(Roma)
-

I centri commerciali aperti con regolarità la domenica e i festivi sono certamente una comodità, ma a quale prezzo? Sicuramente, oltre alla crisi dei piccoli esercenti, a farne le spese sono i lavoratori delle grandi catene, costretti a rinunciare alla pr
E il settimo giorno si riposò, ma mai di  domenica o nei festivi I centri...

L'uso del gas in Siria? Una bufala costruita ad arte per attaccare Turchia e Russia!
L'uso del gas in Siria? Una bufala costruita ad arte per attaccare Turchia e Russia!
(Roma)
-

Ieri, l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche ha respinto la proposta di Russia e Iran di aprire un’indagine sul presunto attacco con armi chimiche in Siria. Da ricerche preliminari risulta che l’Organizzazione per la proibizione delle ar
Ieri, l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche ha respinto la...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati