8 miliardari detengono la ricchezza di mezzo pianeta: IL CAPITALISMO E' FALLITO!

(Palermo)ore 16:34:00 del 20/01/2017 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Economia

8 miliardari detengono la ricchezza di mezzo pianeta: IL CAPITALISMO E' FALLITO!

Ce ne sono molti altri! Ma anche loro dopo aver saputo arricchirsi a spese dei babbei, finiranno le loro inutili vite sotto due metri di terra o, meglio ancora, ridotti in cenere. La nostra non è invidia ma solo un senso di ribrezzo verso individui che go

Ce ne sono molti altri! Ma anche loro dopo aver saputo arricchirsi a spese dei babbei, finiranno le loro inutili vite sotto due metri di terra o, meglio ancora, ridotti in cenere. La nostra non è invidia ma solo un senso di ribrezzo verso individui che gozzovigliano nel lusso e nella perversione mentre, nel mondo, ci sono persone e bambini che muoiono di fame. CHE SCHIFO!!!!!!!!

IL NUOVO RAPPORTO DI OXFAM "UN'ECONOMIA PER IL 99%", DIFFUSO ALLA VIGILIA DEL FORUM ECONOMICO MONDIALE DI DAVOS, HA ANALIZZATO QUANTO LA FORBICE TRA RICCHI E POVERI SI STIA ESTREMIZZANDO OLTRE OGNI RAGIONEVOLE GIUSTIFICAZIONE.

Otto super miliardari detengono la stessa ricchezza netta (426 miliardi di dollari) di metà della popolazione più povera del mondo, vale a dire 3,6 miliardi di persone: "È necessario un profondo ripensamento - secondo Oxfam - dell'attuale sistema economico che fin qui ha funzionato a beneficio di pochi fortunati e non della stragrande maggioranza della popolazione mondiale".

Tra i nomi dei più ricchi si trovano quelli di Rosa Anna Magno Garavoglia, del gruppo Campari, dello stilista Giorgio Armani, dell’imprenditore Gianfelice Rocca e di Silvio Berlusconi, passando per Giuseppe De’ Longhi (presidente della De’Longhi) e per gli imprenditori alimentari Augusto e Giorgio Perfetti.

È stato sottolineato come l'attuale sistema economico stia favorendo l'accumulo di ricchezza nelle mani di una élite super privilegiata ai danni dei più poveri, che sono in maggioranza donne.

Si pensa adesso che potremmo veder nascere a breve il primo trillionaire, un individuo che possiederà più di 1.000 miliardi di dollari nei prossimi 25 anni: per consumare un trilione di dollari è necessario spendere 1 milione di dollari al giorno per 2.738 anni.

In questa situazione le donne sono prevalentemente svantaggiate perché trovano maggiormente lavoro in settori con salari più bassi e hanno sulle spalle la gran parte del lavoro domestico e di cura non retribuito, per cui ci vorranno 170 anni perché una donna raggiunga gli stessi livelli retributivi di un uomo.

Roberto Barbieri, direttore generale di Oxfam Italia, ha descritto la situazione: “È osceno che così tanta ricchezza sia nelle mani di una manciata di uomini, che gli squilibri nella distribuzione dei redditi siano tanto pronunciati in un mondo in cui 1 persona su 10 sopravvive con meno di 2 dollari al giorno. La disuguaglianza stritola centinaia di milioni di persone, condannandole alla povertà; rende le nostre società insicure e instabili, compromette la democrazia. In tutto il mondo le persone vengono lasciate indietro".

"Alla logica della massimizzazione dei profitti, si contrappone una realtà di salari stagnanti e inadeguati, mentre chi è al vertice viene gratificato con bonus miliardari. I servizi pubblici essenziali come sanità e istruzione subiscono tagli, ma a multinazionali e super ricchi è permesso di eludere impunemente il fisco. La voce del 99% rimane inascoltata perché i governi mostrano di non essere in grado di combattere l’estrema disuguaglianza, continuando a fare gli interessi dell’1% più ricco: le grandi corporation e le élites più prospere”, ha concluso Barbieri.

Oxfam ha calcolato che 1/3 della ricchezza dei miliardari è dovuta ad eredità, mentre il 43% è dovuta a relazioni clientelari. A chiudere il cerchio c'è l'uso di denaro e relazioni da parte dei ricchissimi per influenzare le decisioni politiche a loro favore. Ovunque nel mondo i governi continuano a tagliare le tasse su corporation e individui abbienti.

Autore: Luca

Notizie di oggi
Il lavoro e' un male sociale: godetevi la vita
Il lavoro e' un male sociale: godetevi la vita
(Palermo)
-

Contrariamente ad una idea diffusa ad arte dai centri di condizionamento dello spettacolo moderno, il lavoro non è una catastrofe naturale.
Contrariamente ad una idea diffusa ad arte dai centri di condizionamento dello...

300 Euro in piu' sulla pensione! Ecco come fare domanda - VIDEO
300 Euro in piu' sulla pensione! Ecco come fare domanda - VIDEO
(Palermo)
-

Si chiamano “diritti inespressi” e sono soldi da aggiungere alla propria pensione che, previo controllo, si possono richiedere all’ INPS.
Si chiamano “diritti inespressi” e sono soldi da aggiungere alla propria...

L'uomo e' ormai un lavoratore scemo, povero e che non si ribella
L'uomo e' ormai un lavoratore scemo, povero e che non si ribella
(Palermo)
-

L’uomo è un animale adattabile: si adatta anche alle cose che dovrebbe ripudiare. Ci adattiamo a mangiare cibo spazzatura, a respirare veleni, a stare in coda un’ora al mattino in tangenziale per andare al lavoro e un’altra ora la sera per tornare a casa.
L’uomo è un animale adattabile: si adatta anche alle cose che dovrebbe...

Yemen, bombe italiane massacrano IN SILENZIO civili e bambini
Yemen, bombe italiane massacrano IN SILENZIO civili e bambini
(Palermo)
-

Bombe italiane fabbricate in Sardegna e assemblate negli Emirati Arabi Uniti uccidono civili, tra cui bambini, in Yemen. Questo è quello che avviene in una guerra per procura, un massacro sotto silenzio.
Bombe italiane fabbricate in Sardegna e assemblate negli Emirati Arabi Uniti...

Sarabanda TRUCCATO: la nostalgia PALESEMENTE costruita a tavolino
Sarabanda TRUCCATO: la nostalgia PALESEMENTE costruita a tavolino
(Palermo)
-

Operazione nostalgia di una lentezza disarmante e palesemente costruita a tavolino. Il problema è che tutti, Papi per primo, recitano peggio che a una festa dell'oratorio. Tre ore che potrebbero stare tranquillamente in 45 minuti e una noia insostenibile.
Operazione nostalgia di una lentezza disarmante e palesemente costruita a...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati