88 giorni alla DI MAIO: insana e incontrollata SMANIA DI POTERE

(Milano)ore 08:37:00 del 04/06/2018 - Categoria: , Denunce, Politica

88 giorni alla DI MAIO: insana e incontrollata SMANIA DI POTERE

Poteva bastare, ma ieri si è scoperto che Di Maio non aveva detto la verità neanche sul professor Savona

LA TRAGEDIA DI UN POLITICO RIDICOLO - SEBASTIANO MESSINA METTE IN FILA 88 GIORNI DI LUIGI DI MAIO, DA ‘MAI CON LA LEGA’ AL CONTRATTONE, DA ‘O GOVERNO COL PD O VOTO’ A ‘L’ACCORDO CON SALVINI C’È, FATECI PARTIRE’, DA ‘I MINISTRI LI SCEGLIE IL QUIRINALE’ A ‘IMPEACHMENT!’ E POI ANCORA ‘COLLABORIAMO COL PRESIDENTE’, NELL’ARCO DI 5 GIORNI - LE CONSEGUENZE DI UNA INSANA, INCONTROLLATA, SMANIA DI POTERE… 

(…) Di Maio e Mattarella, (…) [l]o stesso presidente che lo aveva ascoltato, consigliato e persino guidato nell'insidioso labirinto di una crisi che appariva senza soluzione, lo stesso presidente del quale Di Maio diceva, dopo l'incarico a Conte, "è stato garante rispettoso della nostra Costituzione, e per questo lo ringraziamo", due giorni dopo - appena l'incaricato ha rinunciato - è diventato un traditore della Carta, un presidente da mettere subito in stato d'accusa, come Nixon e come Leone: "Impeachment!".

Perché? Perché si era rifiutato di firmare la nomina di Savona all'Economia. Esercitando quel potere costituzionale che lo stesso Di Maio gli aveva riconosciuto il 23 maggio: "I ministri li sceglie il presidente della Repubblica". Ma 48 ore dopo il leader pentastellato non la pensava più così, e lo considerava "un atto ignobile" così grave da chiedere al Parlamento di processare il capo dello Stato.

Eppure, passati altri due giorni, scoprendo che nessuno lo seguiva, l'ex candidato premier da lupo si è trasformato in agnello, ha annunciato in piazza che l'impeachment era "un'ipotesi non più sul tavolo", (…)  "Siamo pronti a collaborare con il presidente della Repubblica". 

Una figuraccia ai limiti del ridicolo, alla quale si è aggiunta la mortificante smentita che il giovane e ambiziosissimo successore di Grillo al timone dei Cinquestelle ha dovuto subire sulla ricostruzione del "caso Savona". Con l'aria di uno che smaschera la slealtà di un presidente, lui ha raccontato a Barbara D'Urso un "retroscena segreto", rivelando che al Quirinale lui aveva "fatto arrivare nomi alternativi a Savona, come Bagnai o Siri, ma non andavano bene perché nel loro passato avevano espresso posizioni critiche sull'Ue", e dunque non piacevano "alle agenzie di rating e alla Merkel". Retroscena assai gustoso, se non fosse stato smentito, al di là di ogni ragionevole dubbio, proprio dal Quirinale (e dai verbali delle consultazioni).

Poteva bastare, ma ieri si è scoperto che Di Maio non aveva detto la verità neanche sul professor Savona. "L'ho conosciuto dieci giorni fa - aveva detto - insieme a Salvini. E lui ci ha detto: faccio il ministro a patto che non si esca dall'euro". Doveva essere la prova regina. E invece è spuntato un video del 2016 - aveva ragione Casaleggio: la rete non perdona - nel quale lo stesso Savona raccontava candidamente: "Ho avuto un lungo colloquio con Di Maio e gli ho detto: qual è la tua risposta? Mi ha detto: "Niente, dobbiamo uscire dall'euro". Certo, sono il primo ad averlo detto...".

"Abbiamo vinto, ora tocca a noi" annunciò la sera del 4 marzo, lasciando credere di avere un astutissimo piano segreto per conquistare Palazzo Chigi. E invece, dopo il flirt con Salvini sulle poltrone delle due Camere, ha cominciato a fare la spola tra Lega e Pd, rivendicando col suo sorriso da guaglione scaltro la politica dei due forni (che nella Prima Repubblica era un insulto) portandosi in tasca un "contratto di governo" con gli spazi per i nomi lasciati in bianco. E prima ha rotto con Salvini ("Oggi dico ufficialmente che qualsiasi discorso con la Lega si chiude qui", 24 aprile) e poi con il Pd ("Con loro non voglio mai più averci a che fare").

Così è tornato con il leghista, riuscendo faticosamente a fargli firmare il contratto per un governo che però quello non vuole più fare. E allora Di Maio, che un mese fa avvertiva "O facciamo l'intesa col Pd o si torna al voto", il pomeriggio dell'altro ieri invocava "elezioni subito", ma la sera stessa diceva il contrario: "Una maggioranza c'è, fatelo partire quel governo". Votiamo immediatamente, dunque. Oppure voi richiamate Conte e noi sostituiamo Savona. Oppure si vota in autunno. Oppure...

Dago

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Palermo: se paghi la tassa sui rifiuti viaggi gratis
Palermo: se paghi la tassa sui rifiuti viaggi gratis
(Milano)
-

Paghi la tassa sulla spazzatura? Hai diritto a viaggiare gratis sui mezzi cittadini
VIAGGI GRATIS SE PAGHI L'IMMONDIZIA - "Uno dei problemi più gravi che assillano...

Sondaggi, centrodestra sopra il 50% contro il governo ABUSIVO
Sondaggi, centrodestra sopra il 50% contro il governo ABUSIVO
(Milano)
-

Nuovo record positivo per il centrodestra sull’onda della vittoria in Umbria, mentre i partiti della maggioranza faticano
SONDAGGI, CENTRODESTRA SOPRA IL 50% - La Lega resta saldamente il primo partito...

Deficit e Debito Pubblico sempre piu' critici, crescita ZERO. Promesse NON MANTENUTE
Deficit e Debito Pubblico sempre piu' critici, crescita ZERO. Promesse NON MANTENUTE
(Milano)
-

Stime macroeconomiche della Commissione europea negative per l'Italia su pil, deficit e debito pubblico. La nostra economia non cresce e non riusciamo a risanare i conti pubblici, che peggiorano in maniera allarmante.
CRESCITA ZERO, ITALIA ULTIMA NELLA UE - Siamo quasi alla fine dell’anno ed è...

Costi Pos: quanto ci costano i pagamenti per bancomat obbligatori
Costi Pos: quanto ci costano i pagamenti per bancomat obbligatori
(Milano)
-

Secondo un'indagine di Altroconsumo gli esercenti arriverebbero a pagare delle commissioni abbastanza importanti.
QUANTO CI COSTA IL POS - Ridurre l’uso del contante per contrastare evasione e...

Dottor Google: AUTODIAGNOSTICARTI le malattie tramite il web ti uccide
Dottor Google: AUTODIAGNOSTICARTI le malattie tramite il web ti uccide
(Milano)
-

Oltre il 97% delle persone ricerca informazioni sanitarie online. Ma spesso i risultati sono inaffidabili e portatori d’ansia
SEMPRE PIU' PERSONE ANSIOSE PER RICERCHE MALATTIE SU GOOGLE - 2 americani su 5...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati