(Siena)ore 14:49:00 del 09/05/2018 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Sociale

"La storia della famiglia Agnelli è costellata di connessioni col potere politico ufficiale e coi poteri occulti, massoneria, servizi segreti,a cominciare da quando la famiglia entrò in possesso della Fiat nel 1906.."

La storia della famiglia Agnelli è costellata di connessioni col potere politico ufficiale e coi poteri occulti, massoneria, servizi segreti,a cominciare da quando la famiglia entrò in possesso della Fiat nel 1906.

Il 23 giugno 1908 Giovanni Agnelli (nonno dell'attuale presidente della Fiat) divenuto dal 1906, a seguito di un aumento di capitale, azionista di maggioranza della Fiat, venne denunciato dal questore di Torino per "illecita coalizione, aggiotaggio in borsa e falsi in bilancio". Nel rapporto dell'autorità di pubblica sicurezza Agnelli veniva segnalato come il maggiore indiziato delle manovre fraudolente in borsa che avevano turbato il mercato dei valori e arrecato danni rilevanti ai portatori di azioni. I mezzi fraudolenti consistevano nell'avere provocato nel 1905-1906 enormi ed ingiustificati rialzi delle azioni Fiat, sia col suddividere le primitive azioni,sia col porre dal marzo 1906 in liquidazione la Fiat per ricostruirla immediatamente dopo con un moltiplicato numero di azioni, sia con l'ingiustificato assorbimento dello stabilimento Ansaldo. Il rapporto di questura proseguiva affermando che Agnelli aveva dichiarato nel biennio del 1906 utili consistenti che furono poi distribuiti nel 1907, epoca nella quale la Fiat si trovava già in una crisi che la portò sull'orlo del fallimento.

Il capo del governo di allora Giolitti vegliava sul destino di Agnelli,al quale nel 1907 aveva concesso la croce di cavaliere al merito del lavoro. Il 29 novembre 1908 lo stesso ministro della giustizia Orlando intervenne,con una pesante ingerenza nei confronti della magistratura torinese, affermando che "un'azione penale nei confronti di Agnelli avrebbe avuto conseguenze negative sulla nascente industria nazionale, in particolare piemontese": regione d'origine del primo ministro Giolitti.

A un anno dalla denuncia il perito nominato dal tribunale, professor Pietro Astuti, confermava gli indizi della questura affermando che le scritture stipulate da Agnelli nel 1906 occultavano operazioni personali a scapito della società,e che le operazioni di borsa dovevano configurarsi come un vero e proprio aggiotaggio al fine di procurare fortissimi e ingiustificati profitti. Il 23 agosto 1909 Agnelli venne rinviato a giudizio per rispondere di aggiotaggio e truffa. Con la benevola attenzione del ministro Orlando e con ricorsi vari Agnelli riuscì a rinviare il processo sino al 21 giugno 1911, mentre già nel 1909, dopo le dimissioni, era tornato all'incarico di amministratore delegato della Fiat. Il 22 maggio 1912 il tribunale mandava assolto Agnelli e a nulla valse il ricorso del pubblico ministero, il quale nel giudizio di secondo grado si trovò di fronte,come difensore di Agnelli, l'ex ministro Orlando e come testimoni a favore di Agnelli i dirigenti della Banca commerciale di Milano, Vittorio Roll e Lodovico Toeplitz.

In seguito, durante la fase di preparazione della prima guerra mondiale, la Fiat venne favorita dal governo e ricevette moltissime commesse militari anche dall'estero. Agnelli ottenne dal governo che Torino venisse dichiarata zona di guerra. Gli operai vennero militarizzati e persero le pur minime tutele sindacali, il diritto di sciopero e furono sottoposti al codice militare di guerra. Con le forniture di guerra la Fiat si avviava a divenire una grande industria di livello europeo, la famiglia Agnelli ne deteneva ormai la maggioranza delle azioni di controllo.

Agnelli, fascismo e banche d'affari

Col fascismo,commesse belliche, militarizzazione delle fabbriche e della società divennero fattori costitutivi del regime, ed Agnelli un fervente sostenitore di Mussolini, anche presso il re piemontese. Successivamente Agnelli fu nominato senatore del fascismo e benemerito del regime, premiato personalmente da Mussolini l' 1 marzo 1923 col Laticlavio.

Sono del resto molto note le connessioni tra Fiat e fascismo e non è il caso di dilungarvici in questa sede. Conviene piuttosto mettere in evidenza aspetti meno noti. Ad esempio i percorsi attraverso i quali le tre banche private di allora,Comit, Credito italiano e Banco di Roma finirono all'IRI, dove sono tuttora.

Storia particolarmente istruttiva, nel momento in cui gli attuali nostrani nipotini di Reagan tornano a parlare di riprivatizzazione delle banche pubbliche,di Mediobanca in particolare. Anche Mussolini si convertì rapidamente al liberismo. Nel suo primo discorso da deputato il 21 giugno 1921 affermò: "Lo stato è come il gigante Briareo che ha cento braccia. Io credo che bisogna amputarne novantacinque, cioè bisogna ridurre lo stato alla sua espressione puramente giuridica e politica. Lo stato ci dia una polizia che salvi i galantuomini dai furfanti, una giustizia bene organizzata, un esercito pronto per tutte le eventualità di politica estera intonata agli interessi nazionali. Tutto il resto, e non escludo nemmeno la scuola secondaria, deve rientrare nell'attività privata dell'individuo".

Mussolini avrà modo di pentirsi di queste frasi. Nel 1929 le tre banche del paese non furono in grado di restituire i depositi e furono dichiarate insolventi. Si scoperse allora che esse avevano finanziato coi depositi dei risparmiatori l'acquisto di proprie azioni per farle salire di prezzo. Per un reato di questo genere gli amministratori delle banche avrebbero dovuto finire tutti in galera. Il senatore Ettore Conti, presidente della Comit, nel marzo 1931 scriveva nel suo diario "la Comofin (finanziaria della Comit) è stata costituita nel 1920 con capitale sottoscritto da amici della Comit e da società da essa controllate, con lo scopo di assumere partecipazioni e concedere finanziamenti a banche, società ed imprese commerciali e industriali. In effetti lo scopo principale era quello di acquistare dai Perrone le 200.000 azioni della Comit di cui erano venuti in possesso. Gradatamente la Comofin ha aumentato enormemente il capitale. Ora succede che la Comofin è la proprietaria della Comit, ma succede anche che buona parte delle società finanziatrici della Comofin sono possedute dalla Comit. Con questo sistema la Comit è proprietaria di se stessa ed il suo capitale è divenuto fittizio. Fino a che gli affari procedono allegramente, poco male, ma se dovessero imbrogliarsi ne verrebbe un crac spaventoso".

Il crac avvenne e costò allo stato in valori attuali circa 3.000 miliardi, di fronte ai quali Sindona appare un dilettante.

Dopo la caduta del fascismo,nel 1946,una commissione nominata dalla costituente affermò che allora "le responsabilità delle perdite non vennero messe in luce, né i responsabili furono inquisiti". Il perché era molto semplice, nei consigli di amministrazione delle tre banche erano presenti i maggiori sostenitori del regime fascista. Nella Banca commerciale italiana su ventisei membri del consiglio di amministrazione nove erano senatori,Arlotta,Borromeo,Conti,Crespi,Malagodi,Odero,Puricelli,Sammartino di Valpenga,Silvestri e un deputato,Ferretti. Nel Credito italiano vi erano sette senatori,Giovanni Agnelli,Borletti,Carmianti,Cavallaro,Cantorini,Corbino e i deputati Medici,Motta e Pavoncelli. Nel Banco di Roma erano presenti i senatori Cremonesi e Marcello e i deputati Benni,Canelli,Chiesa e Pesenti. I gruppi di comando delle banche erano anche presidenti delle più grandi società industriali (Fiat,Pirelli,Montecatini,Stipel,Tecnomaso italiano,Acciaierie Terni,Chatillon,cotonificio Crespi,Italcementi,Breda ed altre decine) e costoro utilizzarono i depositi bancari per finanziare ed acquistare titoli delle proprie società per fini speculativi.

Il sopraggiungere della grande crisi coinvolse le industrie che trascinarono nel crac le banche. Lo stato dovette intervenire accollandosi le perdite dei privati, creando l'Istituto per la ricostruzione industriale (IRI) , cui affidò anche le tre grandi banche fallite. Nella inchiesta che seguì si venne a conoscenza del fatto che i gruppi di comando avevano finanziato con i depositi dei risparmiatori la maggior parte del loro capitale azionario, il 94% per la Comit, il 78% per il Credito italiano ed il 94% per il Banco di Roma. In questo modo i grandi industriali che controllavano le banche ed attraverso queste i più grandi gruppi industriali non avevano rischiato una lira dei loro capitali. Il fascismo non solo li scagionò ma, accollandosi le perdite,lasciò intatti i loro patrimoni personali.

Gli Agnelli, la Cia, il Bildelberg e la Trilateral

Nel 1952 nacque ufficialmente il "Bildelberg Group". Era sorta da poco la Nato ed un profugo polacco, tale Retinger fondatore del "Movimento europeo" finanziato dalla Cia,si fece promotore di un club riservatissimo che avrebbe dovuto raggruppare gli uomini più influenti d'Europa e degli Usa, il Bildelberg Group appunto. Primo presidente fu Bernardo d'Olanda,massone implicato nello scandalo Lockeed nel 1976,coadiuvato da Paul Van Zeeland, ministro degli esteri belga (Nato) e Paul Rijkens, presidente della Unilever.

Del comitato promotore del Bildelberg fecero parte anche Gattskele,De Gasperi,Guy Mollet,Rinay e l'ambasciatore italiano negli Usa Pietro Quaroni. Negli Usa i promotori furono Walter Bedell Smith, direttore della Cia e della sezione Usa del Bildelberg, Arthur Dean, Henry Heinz e Joseph Johnson della fondazione Cervage, messa sotto inchiesta per i finanziamenti avuti dalla Cia.

Nel 1967 quando gli Usa sciolsero l'American Committee (il quale ebbe tra i suoi dirigenti quattro uomini importanti della Cia: Donovan, Allen Dulles, Tom Braden, Charles M. Spofford),venne alla luce che attraverso collaboratori di Bernardo d'Olanda il Bilderberg fu finanziato dalla Cia stessa. Tra coloro che parteciparono al primo meeting del Bildelberg nel 1951 figurano molti personaggi in qualche modo legati alla Cia, come risulta da un'inchiesta del Sunday Times di Londra,censurata dal governo e pubblicata in Italia dall'Europeo il 17 ottobre 1975. C'era Shepard Stone, direttore della fondazione Ford e della "Association cultural Freedom",promotore nel 1951 del Bildelberg, il generale Donovan e Charles Spofford dirigenti della Cia.

C'era anche il leader laburista Hugh Gaitskell fondatore del Bildelberg e animatore del "Congress for cultural Freedom", finanziato dalla Cia e Barry Bingham presidente dell' "International press institute", ente pure finanziato dalla Cia. Vi erano due sindacalisti dell'Afl-Cio, Irwing Brown e Walter Renter, anche loro sovvenzionati dalla Cia e finanziatori della destra sindacale italiana e della Dc. I componenti italiani del Bildelberg erano Giovanni Agnelli,Vittorio Valletta,Manlio Brosio,Guido Carli,Alighiero De Michelis,Amintore Fanfani,Ettore Lolli,Imbriani Longo, Giovanni Malagodi,Giuseppe Petrilli,Pietro Quaroni e Pasquale Saraceno. Tra gli statunitensi: George Ball, segretario di stato,Gerald Ford,Henri Kissinger,David Rockfeller,Andrew Goodposter comandante delle forze Usa in Europa,Allen Dulles della Cia,il professor Brezinski,il generale Morstad comandante della Nato. Tra i componenti degli altri paesi vi erano Joseph Luns segretario generale della Nato,Ludwig Erhard,Franz Joseph Strauss,Hermann Abs della Deutsche Bank,Fritz Berg presidente della Confindustria tedesca,Donald Mc Donald ministro della difesa del Canada.

La sola elencazione degli ordini del giorno dice molto sulla natura del Bildelberg,i cui componenti hanno anche la caratteristica di essere in gran parte massoni. Ecco alcuni degli ordini del giorno:

1954 - Olanda - "Difesa dell'Europa dal pericolo del comunismo e dell'Urss".

1955 - Francia - "Infiltrazione comunista in Occidente".

1955 - Germania - "Stato della Nato, energia nucleare, riunificazione della Germania".

1956 - Danimarca - "Blocchi antioccidente, la Cina, la sovversione comunista in Asia".

1957 - Italia - "Armi moderne e sicurezza dell'occidente, strategie della Nato".

1958 - Gran Bretagna - "Il futuro della Nato e il ruolo dell'Urss".

1961 - Canada - "Iniziative per la nuova leadership occidentale, la Nato e le armi atomiche".

1964 - Usa - "Alleanza atlantica e suoi mutamenti, lo stato dell'Urss, la Cina e Cuba".

1965 - Italia - "La situazione della Nato".

1966 - Germania (per la realizzazione di questo incontro venne incaricato Giovanni Agnelli) - "Riorganizzazione della Nato e sviluppo dell'Europa in rapporto al Terzo mondo".

1967 - Gran Bretagna - "Il gap tecnologico con gli Usa e i nuovi problemi della Nato".

1971 - Usa - "Il cambiamento di ruolo degli Usa nel mondo".

1972 - Belgio - "Europa e Nato".

1974-Francia- "La situazione dell'Europa dal punto di vista politico e militare".

Non occorrono molti commenti per definire il ruolo del Bildelberg, il quale tuttora continua a funzionare in modo clandestino. Nel 1973 Giovanni Agnelli e David Rockfeller si fecero promotori di una sorta di nuovo Bildelberg, meno clandestino e questa volta allargato al Giappone,usando ancora i canali massonici e dei servizi segreti.

Nacque in questo modo la famosa Trilateral,con una veste come dicevo formalmente meno arcigna e clandestina, ma con funzioni analoghe a quelle del Bildelberg. Anche se gli ordini del giorno della Trilateral tendono ad assumere un'ottica planetaria e terminologie meno da guerra fredda,i risultati sono i medesimi. L'ultima conferenza della Trilateral tenuta negli Usa nel 1984 dedicata al tema "La democrazia deve funzionare" ha ad esempio molto a che fare col tema della "grande riforma" di cui si sta discutendo nel nostro paese. La lista dei componenti attuali per parte italiana della Trilateral la dice lunga sul ruolo svolto negli ultimi tempi da costoro nel nostro paese, sulla ingerenza della Trilateral nel nostro sistema politico.

Ecco i componenti della delegazione italiana: Giovanni Agnelli,Giovanni Auletta presidente della Banca dell'agricoltura,Piero Bassetti presidente della Camera di commercio di Milano,Giorgio Benvenuto segretario della Uil,Renato Bonifacio presidente della Aeritalia,Margherita Boniver sezione esteri del Psi,Carlo Bonomi della Invest,Umberto Colombo dell'Enea,Roberto Ducci consigliere di stato,Arrigo Levi giornalista della Stampa,Cesare Merlini presidente dell'Istituto affari internazionali,Mario Monti della Bocconi (scala mobile),Egidio Ortona ex ambasciatore e presidente della Honeywell,Mario Schimbeni presidente della Montedison,Federico Sensi diplomatico,Guido Carli,Paolo Vittorelli Psi,Virginio Rognoni ex ministro degli interni.

Per concludere rimane da ribadire che molti dei dirigenti della Trilateral lo sono anche del Bildelberg,in connessione con la massoneria, la Nato e la Cia.

 

Agnelli, servizi segreti e schedature

A seguito di una vertenza intentata per il suo licenziamento dall'ex carabiniere Caterino Ceresa (assunto dal 1953 col compito di schedare i lavoratori) contro la Fiat,nell'agosto del 1971 il pretore Raffaele Guariniello, a seguito di una perquisizione, scoprì una colossale attività di schedature messa in atto dall'azienda di Torino. Nell'ufficio "servizi generali" erano custodite 354.000 schede informative, di queste 151.000 si riferivano al periodo dal 1967 al 1971.

Dalla tipologia degli assunti e dei respinti, risultò che l'operaio ideale per la Fiat doveva essere apolitico, frequentatore della parrocchia, godere di buona reputazione pubblica,e andava bene anche se iscritto ai partiti di centro, oppure monarchico e missino.

Inventore delle schedature fu il presidente della Fiat, il massone Vittorio Valletta. La struttura del sistema di spionaggio Fiat era articolatissima ed utilizzava dai servizi segreti dello stato ai messi comunali e ai vigili urbani dei paesi minori, alle parrocchie. A capo del servizio di spionaggio interno vi era un ex colonnello di aviazione,Mario Cellerino (pilota personale di Giovanni Agnelli) che per vent'anni era stato nei servizi segreti. Venne assunto nel 1965 alla Fiat insieme ad una ventina di ex carabinieri. Il Cellerino, con il consenso del Sid,costituì il collegamento esterno dello spionaggio Fiat,che prevedeva il passaggio di informazioni reciproche con carabinieri, polizia, Sios dell'aeronautica di Torino e Sid. La Fiat assunse praticamente anche il colonnello dei carabinieri Enrico Settermaier che comandava il Sid di Torino.

I dirigenti della Fiat addetti alla selezione del personale avevano praticamente libero accesso agli schedari del Sid, del Sios, dei carabinieri e della polizia e potevano commissionare a basso costo - rilevarono gli inquirenti - qualunque tipo di schedatura. Per la Fiat lavoravano anche Marcello Guida,questore, ex carceriere di Pertini a Ventotene, implicato nel caso Pinelli a Milano e costruttore della pista anarchica per piazza Fontana; e Filippo De Nardis, che Giovanni Leone dopo la nomina a presidente della repubblica volle a capo dell'ispettorato di Ps al Quirinale. Anche l'ufficio di collocamento di Torino era al servizio della Fiat e si limitava a dare il nullaosta sulle richieste avanzate dall'azienda.

I lavoratori che costruirono la fabbrica di Togliattigrad in Urss ed i tecnici sovietici in Italia furono costantemente sorvegliati dai servizi segreti Fiat. Le schedature proseguirono tranquillamente anche dopo l'approvazione dello Statuto dei lavoratori nel 1970.

La perquisizione del pretore Guariniello colse di sorpresa Agnelli, che si trovava in vacanza. Rientrato precipitosamente,Agnelli si incontrò col presidente Saragat e col procuratore generale Colli. Quest'ultimo avocò a sé l'inchiesta, la tenne nei cassetti per un mese e successivamente la spedì alla Corte di cassazione a Roma, sostenendo che per motivi di ordine pubblico l'inchiesta non poteva essere fatta a Torino. La Cassazione accettò la tesi di Colli e il processo venne trasferito a Napoli dove fu insabbiato. Venne apposto anche il segreto di stato per i rapporti con la Nato di alcune produzioni Fiat.

I rapporti della Fiat coi servizi segreti non si limitavano alle schedature, erano molto più fitti e avevano la caratteristica della dipendenza diretta di agenti nei confronti di Valletta. Ad esempio il colonnello Renzo Rocca, morto suicida il 27 giugno 1968,era capo dell'ufficio ricerche economiche del Sifar. In effetti era dipendente Fiat,alla quale inviava regolarmente rapporti riservati.

 

Agnelli, la massoneria, i golpisti bianchi e neri

Roberto Fabiani,giornalista de L'Espresso (massone di Giustizia e Libertà,confidente di Licio Gelli e dell'ingegner Siniscalchi, massone avversario della P2) esperto di servizi segreti e massoneria,ha scritto in un libro, I massoni in Italia del 1978 che Gianni Agnelli, assieme ad altri industriali, faceva parte della massoneria, nella quale fu introdotto da Valletta, e della P2 prima che venisse sciolta nel 1974.

Al di là di confermare o meno questi dati, quel che è certo (lo ha dichiarato lo stesso Agnelli ai giudici) è che la Fiat ha finanziato abbondantemente la massoneria di Lino Salvini che, non dimentichiamolo, fu messo sotto inchiesta per il golpe Borghese, per l'assassinio del giudice Occorsio e per l'Italicus. Sappiamo anche che attraverso Edgardo Sogno, iscritto alla P2, i finanziamenti finirono anche alla loggia di Gelli.

Dall'inchiesta del giudice Catalani emerse che la Fiat nel periodo fra il 1971 e il 1976,tramite la Banca popolare di Novara, emise circa 3.000 assegni per un valore di allora di circa 15 miliardi,una cifra enorme,tale da giustificare ben altri obiettivi che non il semplice finanziamento alla massoneria. Tramite un prestanome,a riscuotere gli assegni presso la Cassa di risparmio di Firenze era un industriale farmaceutico, Piero Cerchiai,gran tesoriere aggiunto della massoneria di palazzo Giustiniani (Grande Oriente). La conferma dell'emissione degli assegni venne anche dalle deposizioni di Luciano Macchia, condirettore dell'IFI della famiglia Agnelli e di Maria Cantamessa, cassiera generale della Fiat e inquisita per il tentativo di golpe attribuito a Edgardo Sogno e Luigi Cavallo.

L'inchiesta del giudice Catalani mise in evidenza che finanziamenti finirono anche ad Edgardo Sogno,che nel 1976 venne inquisito per insurrezione contro i poteri dello stato e successivamente rimesso in libertà provvisoria. Altri finanziamenti giunsero a Sogno dalla Fiat (400 milioni del 1974) per mezzo del consigliere particolare di Giovanni Agnelli, l'attuale deputato europeo della Dc Vittorino Chiusano,che dal 1966 svolge la funzione di collegamento della Fiat con la Dc. La Fiat aveva anche altri canali di collegamento con l'area del golpismo bianco e della destra Dc.

Nel 1972 venne alla luce il caso di Ubaldo Scassellati,direttore della fondazione Agnelli,che aveva dato al piano "cinque per cinque" legato al movimento della destra Dc "Europa 70" cospicui finanziamenti in vista di un piano presidenzialista simile a quello di Pacciardi e Sogno. Scoperto,Ubaldo Scassellati venne scaricato dalla Fiat che lo sostituì con Vittorino Chiusano per il medesimo scopo. Compagno di cordata dell'allora segretario della fondazione Agnelli era il democristiano Bartolo Ciccardini, esperto Nato, fautore della seconda repubblica, militarista folle; ha più volte chiesto che anche l'Italia si doti di una forza nucleare autonoma.

Finanziamenti della Fiat finirono quasi sicuramente anche alla Cisal,un sindacato autonomo attorno al quale lavoravano elementi legati al Fronte di Borghese (il dentista torinese Salvatore Francia) ed il solito Edgardo Sogno. Quest'ultimo, ambasciatore leader della destra liberale, massone P2 (assieme al repubblicano Pacciardi anch'egli massone) ha rappresentato negli anni della strategia della tensione una sorta di crocevia attraverso il quale si incontravano le varie facce del golpismo e del presidenzialismo. Ex partigiano bianco,il Sogno era legato ai servizi segreti alleati (anglo-Usa) e successivamente alla Nato e alla Cia: in quanto ambasciatore,poteva godere dell'immunità diplomatica per le sue trame. Sogno teneva contatti con tutte le aree del golpismo bianco (Mar di Fumagalli,Rosa dei venti,Europa 70) e nero (Fronte di Borghese,Ordine nuovo, eccetera) ed agiva in proprio,in stretto rapporto con l'esercito e i carabinieri.

Ma soprattutto Sogno era uomo della Fiat e non si limitava ad agire nell'ombra,emarginato tra bombaroli ed agenti dei servizi. Nel 1973, come documenta Gianni Flamini,Edgardo Sogno organizzò a Firenze sotto l'egida del suo "Comitato di resistenza democratica" nei locali della "Nazione" del golpista Attilio Monti un convegno sulla "rifondazione dello stato". Al convegno non intervennero nostalgici golpisti suonati,ma personaggi con cariche pubbliche importanti,come il giudice costituzionale Vezio Crisafulli il quale aprì i lavori affermando "il tema delle modificazioni costituzionali pone i seguenti problemi: repubblica presidenziale,abolizione dell'assurdo, ingombrante bicameralismo,delimitazioni delle competenze parlamentari,con conferimento di poteri normativi propri al governo,unificazione della figura del presidente del consiglio con quella del segretario del partito di maggioranza".

Tra gli altri intervennero sul medesimo tono Aldo Sandrelli, Domenico Fisichella, il componente del consiglio superiore della magistratura Gianni Di Benedetto, Valerio Zanone, Antonio Patuelli. Intervenne anche il consigliere speciale di Fanfani Antonio Lombardo,ex appartenente a Ordine nuovo il quale pose il problema: costituzione antifascista o anticomunista.

Al convegno di Sogno parteciparono anche i democristiani del movimento Europa 70 Pietro Giubilo, Celso De Stefanis, Maurizio Gilardi i quali affermarono: "il periodo di centrosinistra ha prodotto più disastri nel nostro paese di una guerra e ha generato germi di dissoluzione, forze ed energie altamente incontrollabili. C'è la consapevolezza molto più diffusa di quanto non si possa pensare che la prima repubblica è finita". Nel concludere i lavori Edgardo Sogno, soddisfatto della generale accoglienza avuta dalla sua proposta di seconda repubblica presidenziale, mandò un messaggio a Giovanni Leone perché intervenisse anticipando i tempi, aggiungendo nella sua qualità di ambasciatore che ciò era auspicato anche negli Usa.

Il 22 agosto 1974 il PM di Torino Violante ordinò una perquisizione nella casa di Sogno (che ebbe tempo di sparire) ritenendo che "Edgardo Sogno agisce per la costituzione di una organizzazione intesa a riunire tutti i gruppi di estrema destra, tra i quali Ordine nuovo in epoca successiva al suo scioglimento". Nello stesso periodo, con un comunicato di stampa congiunto, il Mar di Fumagalli, le Sam, Avanguardia nazionale, Potere nero dichiararono guerra allo stato.

Il 28 luglio 1974 durante il congresso del Pli,Sogno denunciò il pericolo di un golpe marxista e propose di attuare un colpo di stato liberale per prevenire i tempi. Poco dopo, il 4 agosto 1974, avvenne la strage dell'Italicus.

Che molti aderenti al partito del golpe fossero al corrente di quel che bolliva è confermato dal fatto che il gran maestro della massoneria Lino Salvini invitò gli amici a non andare in ferie perché per l'estate era previsto un tentativo di golpe. Il giorno successivo alla strage dell'Italicus, Edgardo Sogno inviò un fonogramma per sondare i carabinieri ed invitarli ad intervenire. Il giudice Violante fece perquisire anche la sede del sindacato autonomo Cisal e aprì un'inchiesta sui finanziamenti della Fiat all'agente dei servizi segreti inglesi Edward Sciclune, amico di Sogno e direttore della filiale Fiat di Malta, il quale nel 1982 darà ospitalità al generale Lo Prete in fuga dall'Italia per lo scandalo petroli.

Nell'ottobre 1974 il golpe Sogno è nell'aria, il partito americano si è messo in moto. Il presidente Giovanni Leone è tornato da poco dagli Usa, il ministro delle finanze Tanassi con un durissimo attacco ha provocato la caduta del governo Rumor ed afferma trionfante che il centrosinistra è morto! Anche la stampa estera si rende conto di quanto avviene in Italia, tra gli altri Le Monde scrive: "il modo con cui si è aperta la nuova crisi ministeriale italiana ravviverà i sospetti di chi imputa agli Usa interventi e pressioni occulte nella vita politica dei loro alleati".

In quei giorni Edgardo Sogno si incontrò a Roma con l'ammiraglio Birindelli ex comandante Nato, ex presidente del Msi, per concordare l'intervento di militari in occasione di un nuovo attentato che si stava preparando. Accadde però che il genovese Pietro Benvenuto, uomo di fiducia del dirigente della Rosa dei venti De Marchi, mentre stava preparando la bomba ebbe un incidente "sul lavoro" col detonatore e, ferito, fu costretto a fuggire all'estero. Successivamente il giudice Vitalone scagionerà Edgardo Sogno e Pacciardi perché i sospetti iniziali sul tentativo di golpe mai sono assurti a dignità di prova. Nell'aprile 1975 Giovanni Agnelli incontrò il presidente della repubblica Leone, al quale chiese di intervenire contro gli scioperi e per ripristinare la governabilità del paese.

Nel medesimo periodo, dopo una fase semiclandestina, Sogno tornò allo scoperto e rilanciò la propria azione a favore della seconda repubblica, sulla quale scrisse un libro. Nel maggio 1976 il giudice Violante fece arrestare Edgardo Sogno e Luigi Cavallo per il tentativo di golpe bianco del 1974 con la seguente motivazione: "nella strategia del disegno eversivo il pronunciamento militare appare essere soltanto l'innesco di una complessa operazione,che aveva alle spalle importanti settori industriali e della quale sarebbero state protagoniste ristrette élites tecnocratiche della burocrazia statale".

Stretto collaboratore di Sogno, anch'egli sui libri paga della Fiat e del Sid, era Luigi Cavallo, pubblicista torinese, ex giornalista dell'Unità espulso come agente della Cia. Fondatore di riviste e movimenti finanziati dalla Cia come "Pace e libertà" con Sogno, "Fronte del lavoro","L'ordine nuovo" e "Tribuna operaia", già nel 1955 era consigliere politico e sindacale di Valletta. Cavallo in quegli anni era impegnato in campagne antisindacali, e diffondeva fotomontaggi con esponenti della sinistra e donne nude. Cavallo fu anche fondatore del sindacato "Iniziativa sindacale" finanziato dagli Agnelli ed organizzatore, insieme al principe nero Borghese, di squadre di picchiatori antipicchetti operai. A seguito di una perquisizione nella sua abitazione furono trovate molte relazioni indirizzate all'ingegner Valletta sulle azioni delle squadre di Cavallo, assieme a centinaia di matrici di assegni emessi dalla Fiat.

Il pretore di Torino Guariniello, scopritore della schedatura Fiat, intuì che Cavallo era un golpista ed in attesa di poterlo processare per reati ben più gravi decise di bloccarlo incriminandolo per stampa clandestina ed attività illegale di investigatore. Processato il 26 luglio 1975,Cavallo venne condannato a un anno e 6 mesi di arresto. Nel 1976 la pena venne ridotta e, inviato alla Cassazione a Roma, l'incartamento Cavallo venne insabbiato, la pena condonata. Cavallo rimase libero per poter continuare a tramare, successivamente fondò l'agenzia "A" attraverso la quale, in combutta con Sindona,ricattò Calvi per costringerlo a sostenere il bancarottiere siciliano fallito. Cavallo fu ingaggiato da Sindona nel '77 anche per organizzare il rapimento del figlio del presidente di Mediobanca Enrico Cuccia con il medesimo fine.

Recentemente Cavallo è stato arrestato in Francia (giugno 1984), ma a quanto pare il governo italiano non si sta dando molto da fare per ottenere l'estradizione. Su Edgardo Sogno è praticamente calato il silenzio, tutte le inchieste della magistratura sono state insabbiate o si sono concluse col segreto di stato o nel nulla.

La Fiat può continuare a fare i propri interessi,nel nome della libertà di mercato naturalmente.

Da: QUI

Autore: Luca

Notizie di oggi
Luce e gas: bollette in Italia piu' CARE IN EUROPA
Luce e gas: bollette in Italia piu' CARE IN EUROPA
(Siena)
-

Rivoluzione in arrivo dal 30 giugno 2019 per il mercato dell’energia: dopo vari rinvii ci sarà la fine del mercato di maggior tutela e il passaggio completo al mercato libero.
Rivoluzione in arrivo dal 30 giugno 2019 per il mercato dell’energia: dopo vari...

Auguri Natale 2018: frasi originali per dire Buon Natale
Auguri Natale 2018: frasi originali per dire Buon Natale
(Siena)
-

Non sapete come fare gli auguri di Natale? Scegliere il regalo perfetto non è l’unico problema in vista del 25 dicembre
Non sapete come fare gli auguri di Natale? Scegliere il regalo perfetto non è...

Fotografia di un Paese ULTIMO in Europa
Fotografia di un Paese ULTIMO in Europa
(Siena)
-

Perché tanta ipocrisia sul caso della società del papà di Di Maio? Federcontribuenti: ”perché padre e figlio non hanno ritenuto di dover dire la verità che tutti conosciamo?
Perché tanta ipocrisia sul caso della società del papà di Di Maio?...

Genova: 5mila posti di lavoro per ricostruire il ponte
Genova: 5mila posti di lavoro per ricostruire il ponte
(Siena)
-

Quasi 5000 lavoratori, tra occupati diretti e indotto, lavoreranno per realizzare il nuovo ponte dopo il crollo del Morandi.
Quasi 5000 lavoratori, tra occupati diretti e indotto, lavoreranno per...

CO2: il gas che non inquina utilizzato per aumentare le tasse
CO2: il gas che non inquina utilizzato per aumentare le tasse
(Siena)
-

L’ecologismo della CO2 è il proseguimento dell’austerità con altri mezzi
Dalla carbon tax alla tassa sul diesel in Francia, a quella sui veicoli a...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati