(Firenze)ore 10:02:00 del 15/04/2018 - Categoria: , Denunce, Economia, Politica

Il MPS usato come bancomnat da partiti politici e da cosidette "personalità" non meglio qualificate, soldi che non vogliono far sapere chi li ha presi, soldi dati con garanzie nulle o dubbie (altrimenti li avrebbero già recuperati), soldi che fanno parte del fallimento gestionale di questa banca dal credito facile a senso unico per la politica (in cambio di cosa ? è lecito chiederselo ) banca alla quale lo Stato (cioè noi cittadini) ha dovuto versare milioni e milioni per tenerla in piedi e rifondere le perdite causate in questa maniera delinquenziale da una dirigenza incompetente legata al potere politico a doppia madata e forse senza speranza di poter veramente salvarla.... morale: lorsignori rubano e il popolo bue paga !

NON FUNZIONA COSI': CHI HA RUBATO DEVE ESSERE INDICATO E DEVE RESTITUIRE IL MALTOLTO PRENDENDOLO ESCLUSIVAMENTE DALLE PROPRIE TASCHE IN SOLIDO CON PARENTI E AFFINI COMPRESI I PRESTANOME, FINO ALLA QUINTA GENERAZIONE!

I cittadini hanno il diritto dovere di conoscere chi contribuisce al dissesto di una Nazione ormai già ridotta con le pezze al c**o da una casta politica imbelle e corrotta, che da sempre pensa soltanto ai propri interessi ed è lontana anni luce dalle reali necessità dei cittadini. Forse è giunta l'ora di riesumare l'antica esclamazione :"A' la lanterne !"

Ora dovrebbe essere chiaro a tutti cosa s'intendeva durante la campagna elettorale con il ritornello della competenza. I competenti : partiti, politici e parenti e amici prendevano i soldi senza garanzie; poi nominavano loro uomini fidati come Morelli che con lo scudo della legge sulla privacy neppure sotto tortura avrebbero comunicato le liste dei debitori.

Poi il super competente ministro del tesoro Padoan preparava il decreto salva Banche (salva debitori) per far pagare ai cittadini-contribuenti i debiti delle banche fallite. E' il gioco è fatto. I fessi cittadini-contribuenti hanno pagato il conto e neppure devono conoscere chi hanno aiutato. Quando si dice la competenza. Con queste manovre i soldi si sono spostati dalle tasche della povera gente alle tasche delle cricche dei privilegiati. D'altronde come si dice : i poveri sono abituati a vivere nelle difficoltà. Aiutiamo i ricchi e che rimangano anonimi, si potrebbe urtare la loro sensibilità.

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Propagare virus per alimentare il business dei vaccini: L'INCHIESTA SHOCK
Propagare virus per alimentare il business dei vaccini: L'INCHIESTA SHOCK
(Firenze)
-

L’Italia sembra uno snodo fondamentale del traffico di virus. L’indagine è stata aperta dalle autorità americane e portata avanti dai carabinieri del Nas.
L’Italia sembra uno snodo fondamentale del traffico di virus. L’indagine è stata...

Euro? UNA fake news monetaria, un ESPERIMENTO FALLITO sulla NOSTRA PELLE. SALVIAMOCI
Euro? UNA fake news monetaria, un ESPERIMENTO FALLITO sulla NOSTRA PELLE. SALVIAMOCI
(Firenze)
-

Settimanali e quotidiani hanno iniziato una campagna terroristica per descrivere come e qualmente questo paese sprofonderebbe nel più nero degli abissi se dovesse uscire dall’euro, unico scudo della nostra malandata economia.
Settimanali e quotidiani hanno iniziato una campagna terroristica per descrivere...

La faccia TOSTA di PRODI, artista della SVENDITA ITALIANA
La faccia TOSTA di PRODI, artista della SVENDITA ITALIANA
(Firenze)
-

Questo è l’uomo che ha oggi la faccia tosta di lanciare un appello (sulle pagine del “Corriere della Sera” di venerdì 5 ottobre) per salvare l’Italia che, parole sue, «rischia di diventare una democrazia illiberale».
Romano Prodi è uno dei massimi artefici della mutazione genetica della sinistra...


(Firenze)
-


Seggi aperti dalle 8 alle 20 oggi a Roma, dove si votano i due quesiti del...

Guerra al vino italiano: ok ai falsi made in Italy
Guerra al vino italiano: ok ai falsi made in Italy
(Firenze)
-

L'Europa attacca ancora una volta l'Italia. E questa volta, a farne le spese, è il vino.
Dopo lo spumante, la Commissione europea ha dato il via libera alla...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati