(Torino)ore 07:02:00 del 06/10/2017 - Categoria: , Calcio, Denunce

Erano tutte situazione oggettive, perfino il rigore inesistente dato alla Juventus che Damato ha confermato nonostante Orsato, uno dei pochi arbitri seri, abbia provato a fargli cambiare idea..

Capiamo che in Italia con la VAr si può rubare di meno da parte delle squadre potenti, per fortuna è un protocollo internazionale e nonostante tutti gli sforzi dei media di ritornare a prima, il Var sarà utilizzato da adesso in poi perchè non è una faccenda solo Italiana.

Tanto anche col Var, come ha dimostrato Damato, alcune squadre saranno indegnamente aiutate, per cui le lacrime di Allegri che piange perchè può rubare meno di prima sono incredibili.

Il solo fatto che Damato abbia dato quel rigore nonostante abbia guardato il monitor la dice lunga su alcuni arbitri.
Almeno il VAr chiarisce le cose, invece di chiamarla sudditanza psicologica bisognerebbe chiamarla solo sudditanza.
E gli juventini con l'allenatore in testa hanno il coraggio di piangere perchè non possono più condizionare totalmente i risultati, ma solo parzialmente.. incredibile

La perfezione ancora non c'è e i meccanismi vanno oliati, ma è impressionante il numero di svarioni arbitrali cui la VAR ha posto rimedio solo in queste prime giornate. Di danni non ne ha fatti di certo, al massimo non è stata usata al meglio delle potenzialità, ma farla passare come una causa di problemi è veramente sbagliato e superficiale.

In pratica gli arbitri continuano a sbagliare come è sempre avvenuto (perchè sono loro a scegliere se utilizzare o meno lo strumento datogli, una volta invece giudicavano x una cosa che magari era y). Ora,se decidono di dar fede a quello che hanno visto, non la usano e sbagliano allora sono criticati. Se decidono di usarla perchè vogliono essere sicuri o vogliono stare tranquilli allora vengono definiti "fiscali" e insicuri da chi subisce la decisione. La differenza è che se prima le critiche arrivavano raramente per paura di squalifiche varie e del famigerato "rispetto" per la classe che si è tentato di inculcare negli anni nei tifosi, nei dirigenti e nei giocatori, ora tutti e dico tutti hanno sempre e comunque qualcosa da ridire. Tutti in questo modo si creano alibi. Molto molto triste.

Autore: Luca

Notizie di oggi
Chi erano i CLIENTI di GIUSEPPE CONTE?
Chi erano i CLIENTI di GIUSEPPE CONTE?
(Torino)
-

Una società il cui capo è finito in carcere, un gruppo energetico che sfrutta incentivi statali. E non solo: vi raccontiamo per chi ha lavorato il presidente del Consiglio
Lo aspetta un futuro da «avvocato del popolo italiano», come ha promesso in...

Vietato chiamarli ZINGARI....
Vietato chiamarli ZINGARI....
(Torino)
-

Se volete capire che cos’è il politicamente corretto inalberato dalla sinistra e adottato da quasi tutti i media, e quali danni realmente produce nella vita quotidiana, i rom sono il campione perfetto.
Se volete capire che cos’è il politicamente corretto inalberato dalla sinistra e...

Massoni al governo: giu' la maschera, caro DI MAIO!
Massoni al governo: giu' la maschera, caro DI MAIO!
(Torino)
-

Giù la maschera, caro Di Maio: quello presieduto da Giuseppe Conte è «un governo ad alta densità massonica», sia pure «di segno progressista»
Giù la maschera, caro Di Maio: quello presieduto da Giuseppe Conte è «un governo...

NO agli sbarchi di Salvini come gli 80 euro di Renzi?
NO agli sbarchi di Salvini come gli 80 euro di Renzi?
(Torino)
-

Portare a casa un risultato subito, quale che sia: che differenza c’è tra il blocco delle navi delle Ong imposto da Salvini e la mancia degli 80 euro concessi da Renzi?
Portare a casa un risultato subito, quale che sia: che differenza c’è tra il...

La Tasse ci DIVORERANNO: ECCO 3 MOTIVI
La Tasse ci DIVORERANNO: ECCO 3 MOTIVI
(Torino)
-

Vi citiamo tre casi apparentemente diversi tra loro: l’accordo per gli esuberi Tim, l’impatto delle politiche Bce su debito pubblico italiano e infine le aliquote dell’Imu da pagare lunedì prossimo.
Vi citiamo tre casi apparentemente diversi tra loro: l’accordo per gli esuberi...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati