(Torino)ore 18:16:00 del 26/09/2017 - Categoria: , Calcio, Editoria

Se un attaccante segna due gol nelle prime quattro partite di campionato è difficile parlare di "crisi". Se quell’attaccante è Gonzalo Higuaín e se aggiungiamo le prestazioni tutt’altro che esaltanti contro la Lazio in finale di Supercoppa e al Camp Nou, contro il Barcellona di Messi, in Champions League, allora le cose cambiano. Lo scorso anno fu l’acquisto più costoso nella storia del calcio italiano e segnò proprio contro la Fiorentina il suo primo gol in maglia bianconera. Era il suo esordio e la rete del 2-1 (appena dieci minuti dopo l’ingresso in campo) fu la prima delle 25 totali che portarono la Juve allo scudetto. La sua prima stagione a Torino, partì in maniera piuttosto positiva: furono tre le reti nelle prime quattro, una solo in più rispetto a quest’anno in cui però è apparso decisamente più nervoso e meno coinvolto.

A Higuain (e ai suoi gol) mancano cinque elementi: 

1) gli assist di Dybala, che giustamente sfrutta il personale stato di grazia cercando la conclusione ogni volta che si trova in possesso della palla; 

2) il gioco a due con Dani Alves, il compagno con il quale Gonzalo si trovava meglio in campo nella scorsa stagione (i due gol con il Monaco, ad esempio). "Ciao genio, è stato un piacere giocare con te", scrisse Higuain in estate, salutando il brasiliano; 

3) i lanci di Bonucci e la sua capacità di mettere la palla sui piedi del centravanti da 40/50 metri di distanza; 

4) gli assist di Pjanic, che gioca più lontano dalla porta rispetto alla scorsa stagione (il passagggio-gol contro il Chievo per ora è un'eccezione); 

5) il mancato apporto, fino a questo momento, di Douglas Costa, acquistato appositamente per fornire assist alle punte: "Higuain segnerà 40 gol con i miei assist? E' un attaccante che mi piace tanto e spero di fargliene tanti", dichiarò il brasiliano nel giorno della sua presentazione in bianconero. Il numero 9 sta ancora aspettando.

Higuain è sovrappeso. Higuain non si muove. Higuain è arrabbiato. Higuain quando le cose vanno male si deprime

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
S'innamorano ad Auschwitz, si credono morti e si ritrovano 39 anni dopo
S'innamorano ad Auschwitz, si credono morti e si ritrovano 39 anni dopo
(Torino)
-

S’innamorano ad Auschwitz, si credono morti e si ritrovano 39 anni dopo
S’innamorano ad Auschwitz, si credono morti e si ritrovano 39 anni...


(Torino)
-


Tutti voi a concentrarvi e lamentarvi di rigori, fuorigioco, palle dentro o...

La Juve CONTROLLA 103 giocatori: la Serie A e' una competizione FALSATA
La Juve CONTROLLA 103 giocatori: la Serie A e' una competizione FALSATA
(Torino)
-

Risulta abbastanza evidente il perche' una squadra come il Sassuolo va allo Stadium e ne prende 7!!!
Risulta abbastanza evidente il perche' una squadra come il Sassuolo va allo...

Dopo calciopoli, ARBITROPOLI: VAR usato a gusto e PIACIMENTO, nello SBANDO PIU' TOTALE
Dopo calciopoli, ARBITROPOLI: VAR usato a gusto e PIACIMENTO, nello SBANDO PIU' TOTALE
(Torino)
-

Arbitraggi orripilanti..... aiuti sfacciati alle solite.... il VAR per funzionare ha bisogno di un reset arbitrale
Arbitraggi orripilanti..... aiuti sfacciati alle solite.... il VAR per...

Chi fa appelli alla Giornata della Memoria? IL PIU' SMEMORATO DI TUTTI!
Chi fa appelli alla Giornata della Memoria? IL PIU' SMEMORATO DI TUTTI!
(Torino)
-

L’Olocausto esce dalla storia per diventare un concetto messianico, senza tempo
Si continua a parlare di memoria, dei rischi della dimenticanza ma il Giorno...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati