(Torino)ore 17:40:00 del 21/09/2017 - Categoria: , Calcio, Denunce

INCHIESTA JUVE-NDRANGHETA - Due anni e mezzo di inibizione da infliggere al presidente della Juventus, Andrea Agnelli, per i suoi rapporti non consentiti dal regolamento con gli ultrà bianconeri: è questa la pena che il capo della procura Figc, Giuseppe Pecoraro, ha richiesto al tribunale federale nazionale nel processo a porte chiuse nato dall'inchiesta penale "Alto Piemonte".

INCHIESTA JUVE-NDRANGHETA - DEFERITA ANCHE LA SOCIETÀ — Il processo ha preso il via oggi, innanzi al Tribunale federale nazionale presieduto da Cesare Mastrocola (componenti Paolo Clarizia, Pierpaolo Grasso, Valentina Ramella e Sergio Quirino Valente), nei confronti del presidente della Juventus, Andrea Agnelli, deferito dalla Procura federale per la presunta violazione degli articoli 1 bis (lealtà sportiva) e 12 (rapporti con i tifosi) del Codice di giustizia sportiva. Con lui, deferiti anche la società bianconera per responsabilità diretta, Francesco Calvo, all'epoca direttore commerciale del club torinese, Alessandro Nicola D'Angelo, security manager, e Stefano Merulla, responsabile del ticket office. Si tratta della seconda parte di dibattimento dopo il rinvio dello scorso 26 maggio.

INCHIESTA JUVE-NDRANGHETA - Ci sono testimonianze e soprattutto intercettazioni ambientali e telefoniche che inchiodano gli imputati. Nessun dubbio, dunque, per il prefetto Pecoraro sulla colpevolezza degli imputati.

Agnelli sapeva perfettamente che i dirigenti della sua Juventus avevano stretto un patto scellerato con i capi ultras delle curve juventina.

In cambio della pax ultras, la Juventus vendeva  biglietti e abbonamenti ai diversi gruppi ultras. Almeno 1.500 biglietti a partita.
Secondo l’accusa nei campionati dal 2011 al 2016 i cinque gruppi ultras si sono spartiti almeno un milione di euro di profitti a testa.

Per la Juventus chieste due gare a porte chiuse, una ulteriore gara con la chiusura della Curva Sud, ammenda di 300mila euro.

Autore: Luca

Notizie di oggi
Ponte Morandi: altro che nazionalizzazione! Ecco l'emendamento PRO BENETTON
Ponte Morandi: altro che nazionalizzazione! Ecco l'emendamento PRO BENETTON
(Torino)
-

A due mesi dal tragico crollo del Ponte Morandi, l’unica certezza è che Autostrade per l’Italia non sarà nazionalizzata
A due mesi dal tragico crollo del Ponte Morandi, l’unica certezza è che...

Vivi vicino a un fast food? Aumenta il rischio DIABETE
Vivi vicino a un fast food? Aumenta il rischio DIABETE
(Torino)
-

Le persone che vivono in zona con un’alta densità di fast food e take away hanno l’11% di rischio in più di sviluppare il diabete
Le persone che vivono in zona con un’alta densità di fast food e take away hanno...

Lodi: 60mila euro per i bimbi immigrati...e i BIMBI ITALIANI???
Lodi: 60mila euro per i bimbi immigrati...e i BIMBI ITALIANI???
(Torino)
-

Lodi, mensa vietata ai figli degli immigrati: polemiche e contraddizioni
Lodi, mensa vietata ai figli degli immigrati: polemiche e contraddizioni A Lodi...

Generare temporali a comando. Il folle progetto di Teller
Generare temporali a comando. Il folle progetto di Teller
(Torino)
-

Tutto pianificato a suo tempo, già nel 1997, durante il convegno di Erice, dove fu presentato il folle progetto Teller, poi messo in pratica nell’Europa.
Tutto pianificato a suo tempo, già nel 1997, durante il convegno di Erice, dove...

Schiavi della finanza, grazie a POLITICI TRADITORI
Schiavi della finanza, grazie a POLITICI TRADITORI
(Torino)
-

«Di tutti i modi per organizzare l’attività bancaria, il peggiore è quello che abbiamo oggi» (Sir Mervyn King, ex governatore della Banca d’Inghilterra).
«Di tutti i modi per organizzare l’attività bancaria, il peggiore è quello che...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati