(Padova)ore 17:30:00 del 29/11/2016 - Categoria: , Cronaca, Salute

Per i pubblici ufficiali, la vestizione è un dovere, che spetta loro in quanto dipendenti dell’ospedale di Padova. Ma il sistema prevedeva di farci la cresta, ovvero di ottenere pagamenti in nero, quantificati in 50-60 euro per ogni salma. Un pagamento esentasse, capace di pesare pesantemente in rapporto agli stipendi percepiti. A beneficiarne sarebbero stati sei operatori socio-sanitari, che avrebbero ricevuto le somme di denaro dalle pompe funebri. Contro di loro ci sarebbero parecchie prove, a cominciare da intercettazioni telefoniche e ambientali, qualche foto scattata dagli investigatori e, soprattutto, riprese video che avrebbero fissato il pagamento delle tangenti.

I reati che vengono contestati a una trentina di persone sono, a diverso titolo, la corruzione aggravata per atti contrari ai doveri d’ufficio, falso ideologico commesso da un pubblico ufficiale e truffa. L’inchiesta ha preso il via da un esposto anonimo, ma ha trovato subito il conforto di alcune precise testimonianze di persone che assistevano a un vero mercato sulla pelle dei defunti. Con quale meccanismo? Al momento del decesso la salma veniva trasferita in obitorio. Nei casi di autopsia, le pompe funebri sono tenute al versamento all’Azienda ospedaliera di 80 euro, una specie di “ticket” per effettuare tutta la preparazione, completa di pulizia, vestizione e tanatocosmesi, ovvero quella serie di trattamenti che rendono la salma presentabile, così che i parenti possano serbare un buon ricordo.

Sono decenni che funziona così. Su tutto il territorio nazionale. A Roma in primis, se poi aggiungi il cartello delle pompe funebri e l'esternalizzazione alle stesse del trasporto salme dal reparto di decesso alla camera mortuaria, momento critico per " l'aggancio del cliente". La Magistratura non sa mai niente, neanche per sentito dire... magari da amici o parenti.

L’ultima frontiera delle tangenti è il caro estinto. In particolare la vestizione dei corpi in obitorio, durante la fase di composizione delle salme e di preparazione, preludio del funeralee della tumulazione. L’inchiesta, condotta a Padova dal pubblico ministero Maria D’Arpa, sotto la direzione del procuratore Matteo Stuccilli, ha portato ad iscrivere una trentina di persone del registro degli indagati. Si tratta di infermieri o addetti al reparto e di titolari o dipendenti delle pompe funebri che avrebbero trovato un accordo per guadagnarci reciprocamente qualcosa.

Secondo l’accusa, nell’ospedale di Padova, in cambio di una tangentina di 50-60 euro (quindi 20 euro un meno rispetto alla tariffa ufficiale) gli addetti avrebbero effettuato le operazioni necessarie. Ma dovevano firmare una dichiarazione (di qui l’ipotesi di falso) secondo cui la salma era arrivata in obitorio già pronta per essere sistemata nella bara. I dipendenti pubblici ci guadagnavano un extra, le pompe funebri facevano risparmiare qualcosa ai clienti, che erano soddisfatti per il servizio. A rimetterci, secondo l’accusa, l’amministrazione ospedaliera, che non percepiva il ticket. Secondo una stima, ogni operatore avrebbe incassato circa5mila euro all’anno.

Autore: Samuele

Notizie di oggi
Gli OGM ringraziano: Italia a FAVORE GRAZIE ALLA LORENZIN
Gli OGM ringraziano: Italia a FAVORE GRAZIE ALLA LORENZIN
(Padova)
-

Gli Ogm in Europa: gli Stati membri sono stati chiamati a votare l’introduzione in Ue di mais geneticamente modificato. E l’Italia ha votato sì. Carnemolla (Federbio) e Greenpeace reagiscono.
Gli Ogm in Europa: gli Stati membri sono stati chiamati a votare l’introduzione...

L'antifascismo dei centri sociali: video INQUIETANTE del pestaggio militante Forza Nuova
L'antifascismo dei centri sociali: video INQUIETANTE del pestaggio militante Forza Nuova
(Padova)
-

Massimo Ursino è il responsabile provinciale di Forza Nuova di Palermo e proprio nella sua città è stato legato mani e piedi e pestato da antifascisti con il volto coperto, nella centrale via Dante.
Massimo Ursino è il responsabile provinciale di Forza Nuova di Palermo e proprio...

I nostri nonni non soffrivano di INTOLLERANZE ALIMENTARI, noi si: COME MAI?
I nostri nonni non soffrivano di INTOLLERANZE ALIMENTARI, noi si: COME MAI?
(Padova)
-

VI SIETE MAI CHIESTI COME MAI I NOSTRI NONNI NON SOFFRIVANO DI INTOLLERANZE ALIMENTARI? C’È QUALCOSA CHE NON TORNA.
VI SIETE MAI CHIESTI COME MAI I NOSTRI NONNI NON SOFFRIVANO DI INTOLLERANZE...

Soffri di complesso di inferiorita'? Fatti queste domande...
Soffri di complesso di inferiorita'? Fatti queste domande...
(Padova)
-

Tutti facciamo comparazioni. Infatti, la comparazione è una delle attività fondamentali del pensiero. Fin da bambini apprendiamo a conoscere il mondo attraverso la comparazione.
Tutti facciamo comparazioni. Infatti, la comparazione è una delle attività...

Trovato legame tra SALE e MALATTIE AUTOIMMUNI
Trovato legame tra SALE e MALATTIE AUTOIMMUNI
(Padova)
-

SCLEROSI MULTIPLA, INCLUDENDO L’ALOPECIA, L’ASMA E GLI ECZEMI. ECCO UNO STUDIO IMPORTANTE…
SCLEROSI MULTIPLA, INCLUDENDO L’ALOPECIA, L’ASMA E GLI ECZEMI. ECCO UNO STUDIO...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati