(Udine)ore 16:06:00 del 11/07/2016 - Categoria: Cronaca, Denunce

Troppi i migranti collegati – Alt al wi-fi a Udine e Pordenone Decisione dei due sindaci, di centrodestra e centrosinistra: «I cittadini ci hanno segnalato disagi». A Pordenone Sequestrati dai vigili urbani anche la coperte e i giacigli usati dai senzatetto nell’ambito di un piano «per aumentare la sicurezza

Via anche i bivacchi dei clochard

Niente wi fi gratuita a Pordenone per motivi di ordine pubblico e wif fi a «basso volume» a Udine. Le due principali città friulane adottano la medesima misura per contrastare l’immigrazione; i due provvedimenti dovrebbero impedire a gruppi di migranti di rimanere collegati in contemporanea e dunque che si formino assembramenti di persone che usano il segnale gratuito per comunicare con i paesi d’origine. Il primo ad annunciare la singolare iniziativa è stato Alessandro Ciriani, da due settimane sindaco di centrodestra della cittadina friulana che vuole fare del contrasto ai clandestini e del «decoro» urbano uno dei punti cardine della sua azione amministrativa. Il provvedimento è stato imitato dal primo cittadino di Udine Furio Honsell, che è invece di centrosinistra, con la medesima motivazione; a Udine il segnale non verrà annullato completamente ma calerà di intensità per fare in modo che solo pochi utenti per volta possano rimanere collegati.

Ma come detto la limitazione del wi fi fa parte di una serie di azioni, di un ipotetico «pacchetto sicurezza» che l’amministrazione Ciriani ha messo in campo fin dalle prime ore del mandato amministrativo. Pattuglie dei vigili urbani hanno ad esempio perlustrato i luoghi dove di solito dormono senzatetto e migranti facendo portare via sacchi a pelo, coperte e giacigli abbandonati agli angoli delle strade. Anche in questo caso la mossa del sindaco «sceriffo» ha provocato la reazione di molte associazioni e volontari che assistono i clochard, che hanno già formalmente protestato con il prefetto di Pordenone . Nel corso del «repulisti», infatti, sarebbero stati portati via anche effetti personali appartenenti ai migranti.

CLICCA MI PIACE PER SEGUIRCI SU FACEBOOK!

Segnale spostato in periferia

Modulare il segnale

A Udine il segnale non verrà spento ma «rimodulato», secondo quanto annunciato dall’amministrazione. Ma il punto di partenza è lo stesso: i capannelli di profughi attorno agli hotspot del centro rendono impossibile l’accesso alla rete, danneggiando tanto i residenti quanto i turisti. Da qui la decisione di abbassare l’intensità del segnale per non creare una sorta di «tappo» all’accesso. Accantonato, almeno per il momento, il progetto di potenziare l’intera rete di ripetitori in particolare con il posizionamento di una antenna all’interno di una ex caserma

A Pordenone la decisione è stata annunciata dal sindaco Ciriani e dall’assessore alla sicurezza Emanuele Loperfido ma non si è ancora tradotta in una delibera vera e propria. L’intenzione è comunque quella di oscurare la wi fi in centro e piazzare invece un’antenna in località più periferiche in modo da ridurre l’affollamento degli utenti sulle strade, nelle piazze, nelle zone verdi. «Capiamo il disagio che questo può creare a molti cittadini ma pensiamo serva a risolvere un disagio maggiore». La decisione scaturisce anche da una serie di segnalazioni e lamentele giunte da abitanti del centro di Pordenone, allarmati dalla costante presenza di gruppi di immigrati muniti di smartphone. La prossima sparizione del segnale internet è stata criticata dalle opposizione che giudicano il provvedimento solo demagogico e «oscurantista».

Autore: Luca

Notizie di oggi
Parlamentare si vende per una legge? INSINDACABILE
Parlamentare si vende per una legge? INSINDACABILE
(Udine)
-

Un motivo in piú per odiare il parlamento europeo, altra ignobile mangiatoia per scaldapoltrone insaziabili.
Un motivo in piú per odiare il parlamento europeo, altra ignobile mangiatoia per...

Energia pulita INSABBIATA in Italia su ordine degli USA
Energia pulita INSABBIATA in Italia su ordine degli USA
(Udine)
-

In questa importantissima conferenza il giornalista RINO DI STEFANO ci introduce alla conoscenza di un argomento di eccezionale interesse e le cui implicazioni potrebbero determinare profondi cambiamenti negli assetti politico-economici, socio-culturali e
LA MACCHINA DI DIO: IL MISTERO DEL RAGGIO DELLA VITA. ETTORE MAJORANA E...

Malta, il NUOVO paradiso fiscale degli italiani
Malta, il NUOVO paradiso fiscale degli italiani
(Udine)
-

Destinazione Svizzera? Macché. Lussemburgo? Nemmeno. È Malta la nuova terra promessa per chi fugge dalle tasse. L'Espresso, con un'inchiesta realizzata insieme al consorzio giornalistico Eic (European Investigative Collaborations), ha potuto consultare lo
Destinazione Svizzera? Macché. Lussemburgo? Nemmeno. È Malta la nuova terra...

Il carcere uccide: la situazione drammatica delle galere italiane
Il carcere uccide: la situazione drammatica delle galere italiane
(Udine)
-

Carmelo Mortari aveva 58 anni. Lo hanno trovato in una pozza di sangue nella sua cella di Rebibbia, reparto G9, lo scorso 25 marzo. Si è tagliato la gola ed è morto lentamente, dissanguato.
Prigionieri e suicidi: così il carcere uccide Carmelo Mortari aveva 58 anni. Lo...

Autorita' per l'energia elettrica? IL GRANDE BIDONE- Ecco l'ennesima truffa ai consumatori!
Autorita' per l'energia elettrica? IL GRANDE BIDONE- Ecco l'ennesima truffa ai consumatori!
(Udine)
-

L”AUTORITÀ PER L’ ENERGIA ELETTRICA, CHE DOVREBBE TUTELARE I CONSUMATORI, IN REALTÀ TUTELA GLI INTERESSI DELLE AZIENDE ELETTRICHE E DELLE INDUSTRIE ENERGIVORE, SCARICANDO I COSTI SUI PICCOLI CONSUMATORI.
L”AUTORITÀ PER L’ ENERGIA ELETTRICA, CHE DOVREBBE TUTELARE I CONSUMATORI, IN...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati